Cibi che aumentano la produttività

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima addirittura che fornire una corretta alimentazione e trattare le carenze di micronutrienti possa aumentare i livelli di produttività del 20%!

tagmedicina,produttività

È risaputo che ciò che mangiamo può avere una grande influenza su diversi aspetti della salute, dal grasso viscerale ai livelli di energia: alcuni cibi aumentano anche la produttività, migliorano la memoria e aiutano a mantenerci focalizzati.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima addirittura che fornire una corretta alimentazione e trattare le carenze di micronutrienti possa aumentare i livelli di produttività del 20%!

BARBABIETOLA

Ricca di benefici che aumentano la produttività grazie al suo contenuto di nitrati, che sono composti naturali che agiscono come vasodilatatori per aumentare il flusso sanguigno.

Infatti, uno studio pubblicato su Nitric Oxide ha scoperto che una dieta ricca di nitrati e di succo di barbabietola è stata in grado di aumentare il flusso sanguigno in alcune aree del cervello responsabili dell’attenzione e dell’autoregolazione.

SALMONE

Molto ricco di grassi omega 3, ottimi per l’energia mentale, la concentrazione, la memoria e le prestazioni cognitive.

BROCCOLI

Ricchi di colina, un nutriente essenziale coinvolto nelle prestazioni cognitive, nello sviluppo del cervello e nella memoria.

TÈ VERDE

Secondo uno studio del 2017, il tè verde può avere effetti piuttosto rilevanti sul cervello: è stato associato ad una riduzione dell’ansia, ad una maggior attenzione e ad una miglior memoria.

Altri studi hanno scoperto che l’estratto di tè verde potrebbe aiutare a proteggere dall’affaticamento cronico.

UOVA

Consumare a colazione uova strapazzate o una frittata ripiena di verdura è un ottimo modo per promuovere la produttività durante tutto il giorno: non solo le uova sono ricche di colina, che abbiamo visto essere importante per la funzionalità cognitiva, ma sono anche una buona fonte di proteine.

Uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition ha dimostrato che una colazione ricca di proteine determina una maggior riduzione della grelina, l’ormone della fame, rispetto ad una colazione ad alto contenuto di carboidrati: questo si traduce in un senso di sazietà più prolungato e un minor rischio di ipoglicemie, che a loro volta peggiorano la concentrazione e la produttività.

CIOCCOLATO FONDENTE

Il cioccolato fondente contiene caffeina, che può aiutare ad aumentare i livelli di energia, concentrazione e vigilanza.

È anche una buona fonte di magnesio, un minerale importante che ha dimostrato di migliorare l’apprendimento e la memoria.

MANDORLE

Pensate che solo una porzione di mandorle è sufficiente a coprire il fabbisogno di vitamina E, un potente antiossidante che protegge il cervello dall’invecchiamento.

Uno studio ha anche scoperto che consumare regolarmente mandorle può aumentare i livelli di acetilcolina, un neurotrasmettitore che migliora l’apprendimento e la memoria.

PATATE DOLCI

Ricche di carboidrati complessi, le patate dolci vengono digerite lentamente, favorendo la sazietà, stabilizzando i livelli glicemici e fornendo un flusso costante di energia.

Le patate dolci sono anche ricche di nutrienti e sono una fonte particolarmente buona di vitamine A e C, che hanno dimostrato di svolgere un ruolo nella funzione cognitiva.

È importante tenere presente che la dieta rappresenta solo un pezzo del puzzle, quando si tratta di produttività, e ci sono numerosi altri fattori da prendere in considerazione: un’attività fisica regolare e costante, livelli adeguati di sonno, e inoltre pianificare e definire i propri obiettivi.

 

CONDIVIDI
Dott.ssa Francesca Vignoli
Maturità classica presso il Liceo Classico di Rimini nel 2003 Laurea in Dietistica presso l’Università di Bologna nel 2006 Master Internazionale in Disturbi dell’Alimentazione e Obesità presso l’AIDAP di Verona Antiaging Advisor presso l’AFFWA di Parma Certificata in Medicina Funzionale applicata alla pratica clinica presso l’AFFWA di Parma Esperta in nutrizione Corso di perfezionamento universitario presso l’Università di Pavia Relatrice a corsi, convegni, eventi Autrice di diversi articoli, del libro “Questione di cibo: imparare a gestire il peso consapevolmente” e del capitolo “La Nutrizione Funzionale” nel libro “Guida alla Medicina Funzionale: la medicina del domani” Creatrice del protocollo nutrizionale per la chirurgia bariatrica presso la Casa di Cura “Montanari” di Morciano di Romagna Ex atleta agonista di pattinaggio artistico a rotelle, ora alterno palestra e allenamento funzionale a casa Appassionata di libri, skincare e beauty Libera professionista a Milano, Voghera, Riccione e provincia

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome