Binge drinking, un’emergenza

Sono i giovanissimi tra gli 11 e i 17 anni in Italia ad avere la tendenza a consumare alcool in maniera smodata e soprattutto durante il fine settimana, in occasione degli happy hour o delle feste

Socializzano così ed è chiaro che l’alcool li aiuta ad essere più disinibiti, a superare la timidezza ma li rovina sotto molti altri aspetti della salute.

Se nei paesi del nord Europa questo è un problema ormai superato e in Islanda per esempio si socializza tramite il fitness, da noi è un’emergenza autentica dovuta anche al fatto che, pur non dovendo essere così, i ragazzini hanno facile accesso agli alcolici. Le droghe e il binge drinking diventano oggi le emergenze più importanti.

Andrebbero applicate regole più rigorose per non vendere l’alcool ai giovani, regole magari che ci sono ma non vengono messe in atto. Anche il controllo da parte della famiglia può risultare difficile.

Ma cos’è con esattezza il binge drinking?

E’ l’assunzione di più bevande alcoliche in un intervallo di tempo più o meno breve. Secondo l’Osservatorio Nazionale Alcol dell’Istituto Superiore di Sanità esso corrisponde all’assunzione in un’unica occasione di consumo in breve tempo di oltre 6 Unità Alcoliche (UA = 12 grammi di alcol puro) di una qualsiasi bevanda alcolica. In questa definizione non è importante il tipo di sostanza che viene ingerita né l’eventuale dipendenza alcolica: lo scopo principale di queste “abbuffate alcoliche” è l’ubriacatura immediata nonché la perdita di controllo.

Spesso si associa al compimento di un reato, a volte è assunto come moda giovanile. L’esatta consistenza dell’intossicazione, comunque, varia da paese a paese. Il punto critico può essere raggiunto dopo molte ore o anche diversi giorni di assunzione. A causa degli effetti a lungo termine, il binge drinking è considerato uno dei più grandi problemi di salute al giorno d’oggi.

Il binge drinking è molto comune tra le persone di sesso maschile, colpisce durante l’adolescenza ed in prossimità della maturità. La prima assunzione di alcol per uomini e donne avviene all’età media di 15 anni, “età di passaggio” in cui si vuole essere indipendenti dalla famiglia e in cui si subiscono fortemente le influenze del gruppo dei pari. Molti bevitori non sono informati sui fattori di rischio sottesi a questo problema che rappresenta un’arma a doppio taglio nel momento in cui i costi economici per la comunità superano quelli sociali dovuti alla diffusione del fenomeno.

Il binge drinking è sotteso a diversi effetti sui vari sistemi del corpo umano come quello neurologico, cardiaco, gastrointestinale, ematico, immunitario, endocrino e muscolo-scheletrico al pari degli altri fattori di rischio per la salute mentale. Circa un terzo di adolescenti abusa in maniera critica di alcolici, e almeno il 6% ha un membro in famiglia con problemi alcol-correlati.

Approssimativamente, una donna su venticinque assume dosi critiche di alcol durante la gravidanza, tanto da indurle a subire la sindrome alcolica fetale e altre patologie correlate al feto Durante l’adolescenza, invece, il fenomeno è collegato ad incidenti stradali, comportamento violento e tentativi di suicidio. Più spesso un giovane bevitore è più incline al binge drinking dei propri coetanei che soffrono già di disturbi legati all’assunzione di alcolici. Un ampio numero di giovani bevitori, inoltre, è anche tossicodipendente. (Fonte Wikipedia)

CONDIVIDI
Dott. Alessandro Bovicelli
Si è laureato in Medicina e Chirurgia all’Universita’ di Bologna nel 1992. Si è specializzato, nel 1996, presso la stessa Universita’ in Ginecologia e Ostetricia. Lavora presso la Divisione di Ginecologia e Ostetricia dell’Ospedale S.Orsola a Bologna e insegna alla Scuola di Specialita’ in Ginecologia e Ostetricia.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome