Prostatite cronica, dolore pelvico cronico ed eiaculazione precoce

tagmedicina,Prostatite

Si stima che il 30-40% dei pazienti con prostatite cronica / sindrome da dolore pelvico cronico (CP / CPPS) soffra di eiaculazione precoce (PE), che è difficile da curare, ma il meccanismo è ancora sconosciuto.

Sulla base dei risultati de precedenti studi clinici ed esperimenti sugli animali, alcuni autori hanno considerato che la disfunzione del sistema glutamatergico nel nucleo paraventricolare (PVN) possa essere coinvolta.

Per testare questa ipotesi, glia autori hanno usato ratti sperimentali di prostatite autoimmune (EAP) per studiare gli effetti del CP / CPPS sul comportamento dell’eiaculazione attraverso l’integrazione di test del comportamento copulatorio, esperimenti neuroelettrofisiologici e tecnologie di biologia molecolare.

L’esame istologico del tessuto prostatico nei ratti EAP ha mostrato risultati patologici coerenti con quello nei pazienti con CP / CPPS.

I test comportamentali hanno mostrato che la latenza dell’eiaculazione (EL) dei ratti EAP si riduceva significativamente rispetto ai controlli (5,1 ± 1,8 vs. 9,1 ± 2,4 min, p <0,001).

Test di attività del sistema nervoso simpatico (SNS) hanno rivelato che i ratti EAP hanno mostrato livelli plasmatici di noradrenalina (NE) significativamente più alti (1780 ± 493 contro 1421 ± 453 pg / ml, P = 0,043) e sensibilità SNS (67,8 ± 9,6 contro 44,6 ± 8,7) %, P <0,001).

La rilevazione immunoistochimica e l’analisi Western Blot hanno entrambi mostrato che l’espressione della subunità NR1 dei recettori dell’acido N-metil-D-aspartico (NMDA) nel PVN dei ratti EAP era significativamente sovraregolata (P = 0,007 e P <0,001).

Inoltre, l’espressione della subunità NMDA NR1 era correlata positivamente sia con la sensibilità SNS (r = 0,917, P <0,001) sia con i punteggi dell’infiammazione prostatica (r = 0,964, P <0,001).

Questo studio mostra che i ratti EAP soffrono dello stesso sintomo PE dei pazienti CP / CPPS.

La risposta infiammatoria-immunitaria indotta da CP / CPPS può significativamente sovraregolare l’espressione dei recettori NMDA nel nucleo paraventricolare, accorciando l’EL migliorando la sensibilità SNS.

Tuttavia, l’esatto meccanismo dell’infiammazione cronica nella prostata che causa l’espressione up-regolata dei recettori NMDA deve essere ulteriormente studiato.

 

Laurea in “Medicina e Chirurgia" conseguita nel luglio 1991 con votazione di 110/110 e lode presso l’Universita’ degli Studi di Roma “La Sapienza”, discutendo la tesi sperimentale: ”Chemioterapia endocavitaria con epidoxorubicina e interferone per via sistemica nella profilassi dei tumori superficiali della vescica”. Nel novembre 1996 ha conseguito la specializzazione in Urologia con votazione di 70/70 e lode presso il Dipartimento di Urologia “U. Bracci” del Policlinico “Umberto I” di Roma discutendo la tesi sperimentale: ”L’ecografia trans rettale, il PSA ed il PSAD. Tre metodiche a confronto nella diagnostica del carcinoma della prostata”. Nel 2014 conseguimento di Master di II livello in Andrologia ,implantologia e chirurgia protesica. Nel 2016 conseguimento Master di secondo livello in Seminologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Dal 2018 revisore delle riviste scientifiche Central European Journal of Urology , Hormone and Metabolic Research Journal. Dal 2018 libero docente presso l’Università Federiciana di Cosenza. Nel 2014 vincitore del Doctoralia Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia , nel 2018 Vincitore del Mio Dottore Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui