L’ecocolordoppler basale e dinamico per studiare la disfunzione erettile. Ancora poche certezze

Nonostante decenni di utilizzo, esiste ancora una grande variabilità nei protocolli PDDU e viene riportato un alto tasso di falsa diagnosi.

#tagmedicina,PDDU

L’ecocolordoppler basale e dinamico dei corpi cavernosi del pene (PDDU) è uno strumento minimamente invasivo per valutare l’emodinamica erettile nei pazienti con disfunzione erettile (DE).

Nonostante decenni di utilizzo, esiste ancora una grande variabilità nei protocolli PDDU e viene riportato un alto tasso di falsa diagnosi.

Questo studio ha effettuato una revisione della metodologia PDDU nella letteratura pubblicata che affronta l’eterogeneità del protocollo, le sfide tecniche e di interpretazione.

Una ricerca in letteratura PubMed è stata eseguita utilizzando i termini di ricerca “ultrasuono del doppler del pene”, “ultrasuono del duplex del pene” o “ultrasuono del pene” e “disfunzione erettile”.

Gli studi sono stati analizzati per la presenza dei seguenti elementi nella segnalazione del protocollo PDDU: (i) agenti vasoattivi intracavernosi utilizzati, (ii) uso di un protocollo di riduzione, (iii) mezzi di valutazione della rigidità, (iv) rapporto di a casa erezione di migliore qualità, (v) criteri normativi per la velocità sistolica di picco (PSV) e la velocità diastolica di fine (EDV) e (vi) uso della valutazione emodinamica basata sul tempo. I criteri di inclusione erano studi disponibili in inglese, dal 2005 in poi, e con testo completo. I criteri di esclusione erano revisione, articoli di comunicazione descrittivi o brevi, studi sugli animali e studi su popolazioni diverse da quelle con ED.

È stata eseguita una revisione critica dell’eterogeneità nella letteratura pubblicata per guidare una discussione strutturata sulle sfide metodologiche e creare un elenco di raccomandazioni.

Eterogeneità significative sono state osservate in aspetti metodologici chiave.

Il 50% degli studi ha riportato l’uso della sola prostaglandina E1 e il 12% degli studi non ha menzionato l’agente utilizzato.

La riduzione come parte del protocollo PDDU è stata menzionata solo nel 26% degli studi.

La maggioranza (56%) non ha menzionato alcuna forma di valutazione della rigidità. Il sistema di classificazione più utilizzato era il punteggio di durezza dell’erezione (14%).

Complessivamente, la maggior parte degli studi (59%) ha utilizzato un protocollo a tempo per la valutazione emodinamica.

Non è stato definito un chiaro consenso per i criteri normativi per PSV ed EDV, il 39% definisce un PSV normale come ≥30 cm / se il 57% usando valori EDV ≤5 cm / sec come di consueto.

Implicazioni cliniche

L’assenza di standardizzazione ha portato a una segnalazione inadeguata dei fattori chiave che ha reso difficile l’interpretazione dei dati e il confronto tra studi.

Conclusione

Nonostante il suo uso diffuso, l’analisi della letteratura sull’uso della PDDU nella popolazione ED mostra una marcata eterogeneità del protocollorendendo l’interpretazione dei dati un problema.

 

CONDIVIDI
Dott. Andrea Militello, Urologo/Andrologo
Laurea in “Medicina e Chirurgia" conseguita nel luglio 1991 con votazione di 110/110 e lode presso l’Universita’ degli Studi di Roma “La Sapienza”, discutendo la tesi sperimentale: ”Chemioterapia endocavitaria con epidoxorubicina e interferone per via sistemica nella profilassi dei tumori superficiali della vescica”. Nel novembre 1996 ha conseguito la specializzazione in Urologia con votazione di 70/70 e lode presso il Dipartimento di Urologia “U. Bracci” del Policlinico “Umberto I” di Roma discutendo la tesi sperimentale: ”L’ecografia trans rettale, il PSA ed il PSAD. Tre metodiche a confronto nella diagnostica del carcinoma della prostata”. Nel 2014 conseguimento di Master di II livello in Andrologia ,implantologia e chirurgia protesica. Nel 2016 conseguimento Master di secondo livello in Seminologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Dal 2018 revisore delle riviste scientifiche Central European Journal of Urology , Hormone and Metabolic Research Journal. Dal 2018 libero docente presso l’Università Federiciana di Cosenza. Nel 2014 vincitore del Doctoralia Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia , nel 2018 Vincitore del Mio Dottore Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome