Insufficienza respiratoria

#tagmedicina,respiratoria

L’insufficienza respiratoria è una seria condizione patologica contraddistinta da una ridotta efficienza della funzione respiratoria.

La respirazione è il risultato di una catena di eventi che si originano dall’attività ritmica dei centri respiratori posti a livello del pavimento del IV ventricolo in risposta alle informazioni provenienti dai chemioricettori centrali e periferici e che si trasmettono ai muscoli respiratori attraverso le vie piramidali determinando il movimento della gabbia toracica e di conseguenza dei polmoni.

Lo scopo della respirazione è quello di fornire un adeguato apporto di ossigeno ai tessuti e un’efficace eliminazione dell’anidride carbonica derivante dai processi di produzione di energia dell’organismo, attraverso il processo di combustione dell’ossigeno e dei substrati energetici (carboidrati, grassi e proteine) che avviene a livello cellulare.

Il sistema respiratorio e quello cardiovascolare concorrono al raggiungimento di questo obiettivo. Il sistema respiratorio garantisce gli scambi gassosi tra l’aria ambiente e il sangue tramite uno scambiatore di gas (polmoni, vie aeree e vasi polmonari) e permette un adeguato ricambio di aria tramite una pompa meccanica o ventilatoria (centri respiratori, muscoli respiratori, parete toracica). L’insufficienza respiratoria può conseguire alla compromissione di uno o di entrambi questi elementi ed è, quindi, quella condizione patologica in cui l’apparato respiratorio non è più in grado di assolvere alle funzioni di trasporto di una quantità adeguata di ossigeno nel sangue arterioso e di rimozione di una corrispondente quantità di anidride carbonica dal sangue venoso.

Considerando il risultato finale a livello cellulare, specificamente a livello mitocondriale, l’insufficienza respiratoria si può definire come una turba del metabolismo cellulare secondaria a un ridotto apporto di ossigeno ai tessuti per alterazione di una o più tappe del processo della respirazione: ventilazione, scambi gassosi intrapolmonari, trasporto dei gas, scambi gassosi tissutali

Tratto da http://www.malattierespiratorie.com/new/287/

 

CONDIVIDI
Dott. Cesare Arezzo
• Nato a Bari il 12/08/55. Laureato in Medicina e Chirurgia il 14/11/80 presso l’Università degli Studi di Bari. Abilitato all’esercizio della professione di Medico-Chirurgo nella II^ sessione dell’anno 1980 presso l’Università degli Studi di Bari. • Tirocinio pratico ospedaliero effettuato dal 02/03/81 al 01/09/81 presso il presidio Ospedaliero “ Cotugno” nella branca di Pneumotisiologia • Specializzazione in Fisiopatologia e Fisiokinesiterapia Respiratoria conseguita il 20/06/84 presso l’Università degli Studi di Bari • In servizio nella posizione funzionale di Assistente di Pneumologia presso la USL BA 04 dal 02/02/82 al 30/04/94 • Ha un rapporto di lavoro a tempo pieno dal 01/07/86 • Dal 01/05/94 in servizio nella posizione funzionale di Aiuto di Pneumologia presso la II^ Divisione di Pneumologia del Presidio Ospedaliero San Paolo dell’ASL BA 04 • Dal 07/01/04 in servizio nella posizione funzionale di Dirigente Medico presso l’Unità Operativa di Pneumologia dell’Ospedale San Paolo di Bari; all’interno del Laboratorio di Fisiopatologia Respiratoria si è interessato in particolare di funzionalità respiratoria e di Disturbi Respiratori Sonno-correlati, accumulando esperienze e partecipando a corsi di aggiornamento: nel 2006, nel 2008 e nel 2012 a Bertinoro (Forlì-Cesena) Corso Residenziale di Medicina del Sonno organizzazione A.I.M.S. (Associazione Italiana Medicina del Sonno); nel 2007, nel 2009 e nel 2013 a Mondello (Palermo) Corso Nazionale Disturbi Respiratori nel Sonno organizzazione A.I.P.O. (Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri).

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome