Le donne con la sindrome di Turner sono carenti sia di estrogeni che di androgeni: l’impatto della terapia ormonale sostitutiva

Obiettivo di un recente lavoro era valutare i livelli di ormoni sessuali nelle donne con sindrome di Turner

tagmedicina, terapia

Le donne con sindrome di Turner soffrono di ipogonadismo ipergonadotropico, che causa un deficit nella secrezione dell’ormone gonadico. Di conseguenza, le donne con sindrome di Turner vengono trattate con estrogeni dall’età di 12 anni e successivamente in combinazione con progesterone. Tuttavia, agli androgeni è stata data meno attenzione.

Obiettivo di un recente lavoro era valutare i livelli di ormoni sessuali nelle donne con sindrome di Turner, sia trattate che non trattate con terapia ormonale sostitutiva (TOS), e studiare l’impatto della TOS sui livelli di ormoni sessuali.

Novantanove partecipanti affette dalla sindrome di Turner sono state seguite tre volte da agosto 2003 a febbraio 2010. Diciassette donne con sindrome di Turner sono state perse durante il follow-up. Il gruppo di controllo 1 consisteva in sessantotto donne sane di controllo della stessa età viste una volta durante questo periodo. Il gruppo di controllo 2 era composto da 28 giovani donne eumenorroiche campionate 9 volte durante lo stesso ciclo mestruale.

Principali misure di esito: concentrazioni sieriche di ormone follicolo stimolante (FSH), ormone luteinizzante (LH), 17β-estradiolo, estrone solfato, DHEAS, testosterone, indice di androgeni liberi, androstenedione, 17-OH progesterone e globulina legante gli ormoni sessuali (SHBG) .

Risultati: tutti gli androgeni, il 17-OH progesterone e l’SHBG erano inferiori del 30-50% nelle donne con sindrome di Turner rispetto ai controlli (p <0,01). FSH, LH ed estrone solfato erano più che raddoppiati nelle donne con sindrome di Turner rispetto ai controlli (p<0,02). Utilizzando l’analisi delle componenti principali, descriviamo una correlazione positiva tra le donne con sindrome di Turner che ricevono una terapia ormonale sostitutiva, livelli elevati di SHBG e livelli ridotti di androgeni.

Il profilo dell’ormone sessuale nella sindrome di Turner rivela un quadro di carenza di androgeni, ulteriormente aggravata dalla terapia ormonale sostitutiva. La terapia ormonale sostitutiva convenzionale non normalizza i livelli di estradiolo nella sindrome di Turner.

Questo lavoro ci fa capite come il testosterone è importantissimo anche nella donna e la sua presenza deve sempre essere ricercata anche nelle donne che si approcciano alla terapia antiaging.

CONDIVIDI
Prof. Andrea Militello, Urologo/Andrologo
Laurea in “Medicina e Chirurgia" conseguita nel luglio 1991 con votazione di 110/110 e lode presso l’Universita’ degli Studi di Roma “La Sapienza”, discutendo la tesi sperimentale: ”Chemioterapia endocavitaria con epidoxorubicina e interferone per via sistemica nella profilassi dei tumori superficiali della vescica”. Nel novembre 1996 ha conseguito la specializzazione in Urologia con votazione di 70/70 e lode presso il Dipartimento di Urologia “U. Bracci” del Policlinico “Umberto I” di Roma discutendo la tesi sperimentale: ”L’ecografia trans rettale, il PSA ed il PSAD. Tre metodiche a confronto nella diagnostica del carcinoma della prostata”. Nel 2014 conseguimento di Master di II livello in Andrologia ,implantologia e chirurgia protesica. Nel 2016 conseguimento Master di secondo livello in Seminologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Dal 2018 revisore delle riviste scientifiche Central European Journal of Urology , Hormone and Metabolic Research Journal. Dal 2018 libero docente presso l’Università Federiciana di Cosenza. Nel 2014 vincitore del Doctoralia Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia , nel 2018 Vincitore del Mio Dottore Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome