La dieta malsana della madre prima della gravidanza aumenta il rischio di obesità infantile

tagmedicina,dieta

La donna che segue una dieta sana prima della gravidanza riduce il rischio di obesità nella futura prole, secondo quanto conclude uno studio pubblicato sull’International Journal of Obesity e coordinato da Sarah Crozier, professore associato di epidemiologia statistica all’Università di Southampton. «I tassi di obesità infantile sono in aumento in tutto il mondo e i bambini obesi hanno maggiori probabilità di diventare adulti obesi, con significative conseguenze a lungo termine sullo stato di salute» affermano gli autori.

E per verificare il ruolo svolto dalla dieta materna nell’obesità infantile i ricercatori hanno analizzato i dati sulle diete di 2.963 coppie madre-figlio che facevano parte del Southampton Women’s Survey, uno studio britannico a lungo termine sullo stato di salute delle madri e dei loro figli. «Tutte le partecipanti, che all’inizio del follow up non erano incinte, sono state intervistate e le risposte utilizzate per compilare questionari sulla dieta e su quella dei loro bambini. Le informazioni sulla dieta materna sono state richieste sia prima della gravidanza sia all’11ma e alla 34ma settimana di gestazione» scrivono gli autori, che hanno anche chiesto notizie sull’alimentazione dei figli a sei mesi, un anno, tre anni, da sei a sette anni e da otto a nove anni di vita. «A conti fatti abbiamo scoperto che i bambini di otto o nove anni avevano maggiori probabilità di essere obesi se le madri seguivano diete poco salutari prima e durante la gravidanza» riprende Crozier, aggiungendo che le madri più giovani, meno istruite, fumatrici e con un indice di massa corporea (BMI) più alto prima della gravidanza tendevano a seguire le diete più malsane. E conclude: «L’obesità infantile è un’importante questione di saluta pubblica, con numeri in crescita significativa, che causa disturbi di lunga durata che si estendono fino all’età adulta. Questa ricerca mostra l’importanza preventiva di un intervento tempestivo nella vita di un bambino, durante la gravidanza o addirittura prima del concepimento».

International Journal of Obesity 2021. Doi: 10.1038/s41366-021-01047-2
http://doi.org/10.1038/s41366-021-01047-2

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome