Vibrazioni di un autunno toscano per la nostra salute

La bellezza non è la ricerca di un “qualcosa di visto”, di un modello standardizzato in cui identificarsi, ma è un insieme armonico costituito da elementi che possono non risultare perfetti

tagmedicina,salute

Un’opera meravigliosa dell’artista Hannah Bullen-Ryner, creata con rami, foglie e petali di fiori. Niente è fissato al suolo, tutto potrebbe volare via in un attimo, all’improvviso, al primo alito di vento. È solo arte o anche filosofia?

Consigli di Patrizia Pellegrini naturopata: Come ripeto sempre alle pazienti che cercano in me la spinta e le motivazioni per seguire una certa dieta, dovete imparare a volervi bene, mettervi al centro del vostro mondo per rispettarsi e allora troverete la bellezza.

La bellezza non è la ricerca di un “qualcosa di visto”, di un modello standardizzato in cui identificarsi, ma è un insieme armonico costituito da elementi che possono non risultare perfetti, ma che, combinati tra loro, creano un volto armonioso, un corpo elegante, uno sguardo sensuale, rispecchiando la personalità e l’unicità di ognuno di noi.

E noi abbiamo un patrimonio intorno a noi che non ha prezzo, la Natura, dobbiamo vivere la Natura, che, generosamente, si offre.

Riceviamo dal nostro corpo messaggi che suggeriscono di “immergersi” nella natura con lo scopo di riportare importanti benefici alla mente, al fisico e alla spiritualità di ogni persona, un viaggio nella natura per staccare dalla vita frenetica della città, regalarsi una vacanza nella natura per recuperare la forza dell’elemento naturale sul nostro benessere, migliorando persino la salute cardiovascolare. Uno studio pubblicato nel 2012 sul Journal of Cardiology ha scoperto che nei pazienti anziani con ipertensione, dopo un soggiorno di qualche giorno nel verde della campagna ha portato ad una significativa riduzione della pressione sanguigna, associata a minori rischi di diabete di tipo 2 e malattie cardiache, soprattutto se confrontato con le persone che hanno trascorso lo stesso tempo in un contesto urbano.

Camminare nella natura per circa 30 minuti contribuisce a migliorare l’attività del sistema immunitario e ad allontanare il rischio di malattie. Se fatto con costanza nel tempo, può avere effetti notevoli sul tuo organismo.

Nella cultura giapponese esiste una pratica secolare chiamata Shinrin-yoku, una parola difficile a tradurre  e che in italiano potremmo essere come “bagno nella foresta”. Consiste nell’immersione totale nella natura priva di distrazioni. Una vera e propria terapia che consente all’organismo di trarre effetti positivi dalla forza dei suoni della natura, dei suoi profumi e del contatto fisico con gli elementi naturali. I sensi diventano più attivi e ricettivi, si abbassa il livello di cortisolo nel sangue (l’ormone responsabile della gestione dello stress), migliora il funzionamento del sistema circolatorio e le difese immunitarie, con effetti positivi per l’intero organismo. Per mantenerti in forma bastano 30 minuti di camminata a velocità sostenuta. Svolta con costanza e abbinata ad un’alimentazione sana, una semplice passeggiata può aiutarti a perdere peso e tonificare i muscoli senza uno sforzo eccessivo.

Uno studio condotto dal College of Sport Science in Corea ha dimostrato che camminare non è solo un esercizio muscolare che coinvolge movimenti ritmici e dinamici, ma è anche un esercizio aerobico economico. Un altro studio condotto dall’American Diabetes Association dimostra che l’esercizio fisico è la terapia raccomandata nella gestione del diabete di tipo 2. Camminare regolarmente, con un ritmo e una frequenza variabili infatti, può aiutarti a tenere sotto controllo il livello di glucosio nel sangue, impedire l’aumento di peso e contrastare il diabete.

Le passeggiate nella natura possono migliorare la qualità del sonno notturno e migliorare la salute fisiologica come mostrato nel The International Journal of Environmental Research and Public Health. Il ciclo del sonno è disturbato dai dispositivi elettronici come le luci artificiali, il traffico stradale, i dispositivi elettronici ma passeggiare all’aperto, esposti alla luce naturale, aiuta a regolare le funzioni ormonali e l’orologio interiore responsabile della regolazione dei ritmi del sonno. L’esercizio fisico è anche associato alla riduzione dello stress e al benessere fisico, che influiscono sulla qualità del sonno.

Per cui cerchiamo di “diventare belle e sane” immergendosi nella bellezza della Natura!

 

CONDIVIDI
Dott.ssa Patrizia Pellegrini
Naturopata docente ed esperta di Bioterapeuta NUTRIZIONALE® Iscritta al registro F.A.C. (Federazione delle Associazioni Certificate) pos.N 96 Professionista certificato ACCREDIA Conforme alla normativa tecnica UNI, Legge 14 gennaio 2013, n. 4 Patrizia Pellegrini è esperta in Riflessologia Plantare, Iridologia e Floriterapia. La sua formazione Naturopatica è stata acquisita presso la New Port University Italian Branch di Roma. Master in bioterapia Nutrizionale ®️ Applicata. Master in Nutrigenomica e DNA degli alimenti. Docente di Antropologia presso l'Ateneo Salesiano di Roma nel corso di studi di Naturopata - Vix Sanatrix Naturae Roma. Iscritta alla F.A.C. e Past Presidente dell'Associazione Tone, "Tree of Natural Energy", con la quale organizza seminari informativi "Prevenire è meglio che Curare" su tutto il territorio nazionale. Socia della Fidapa Sez di Roma e della Casa Internazionale Delle Donne in Roma. Nata ad Ancona e vissuta a Manziana, professionalmente presente nelle principali città italiane collabora con studi medici e centri benessere. E' co-autrice di un libro sulla Costituzione Iridologica, collabora e scrive con diversi giornali nazionali, con la testata online Napoliflash24 , presenza costante in tv calabresi con rubriche naturopatiche bioterapeutiche nutrizionali. Svolge la sua professione a Milano, Roma, Manziana, Firenze, Roccella Jonica, Napoli, Ottaviano(Na), Amantea, Campora San Giovanni, Reggio Calabria.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome