Dormire per dimagrire: quanto incide il sonno sulla perdita di peso?

È importante sapere, in primis, che il sonno è in grado di influenzare l’azione degli ormoni che assicurano l’attività metabolica.

tagmedicina,SONNO

Il sonno è, in genere, una componente trascurata ma cruciale nella perdita di peso. A tal proposito, diversi studi, hanno dimostrato come dormire in maniera adeguata influisca positivamente sulla regolazione ormonale e metabolica.

Inizialmente si potrebbe pensare che il dimagrimento derivante dal sonno sia legato semplicemente al fatto che mentre si dorme non si può mangiare. Certo, non possiamo negare che, durante il sonno, tutti gli stimoli si “assopiscono”, tuttavia, il meccanismo che si innesca nella relazione tra il sonno e il dimagrimento è molto più complesso.

È importante sapere, in primis, che il sonno è in grado di influenzare l’azione degli ormoni che assicurano l’attività metabolica.

In particolare, vengono coinvolti:

  • il cortisolo, comunemente chiamato ormone dello stress, che aiuta a tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue e a regolare il metabolismo;

  • la grelina, meglio conosciuta come ormone della fame, in quanto aumenta la ricerca e l’assunzione di cibo e diminuisce il consumo di energia;

  • la leptina, che, invece, regola il senso di sazietà.

Dal punto di vista biologico, dunque, dormire di più favorisce il dimagrimento in quanto si verifica un aumento dell’ormone leptina, che ha un ruolo anoressizzante, e una diminuzione della grelina che, non solo aumenta lo stimolo della fame, ma porta a preferire cibi più calorici e ricchi di carboidrati, che, di conseguenza, influiscono negativamente sulla regolazione della glicemia, predisponendo l’organismo all’insorgenza del diabete.

La durata del sonno è un fattore fondamentale per il controllo del peso, pertanto la “National Sleep Foundation”, sulla base di prove epidemiologiche che indicano che gli individui che dormono <6 o >9 ore/notte hanno tassi di mortalità più elevati rispetto a quelli che dormono 7-8 ore/notte, ha dimostrato come una durata del sonno ottimale sia compresa tra le 7 e le 9 ore/notte.

L’importanza del sonno non è solo quantitativa, ma anche qualitativa. Dormire bene significa avere dei cicli sonno-veglia regolari, pertanto, è importante fare in modo che il sonno non venga interrotto. Un sonno non salutare, infatti, può ridurre il potenziale di perdita e di mantenimento del peso a lungo termine.

Tra l’altro, diversi studi, hanno dimostrato come anche l’attività fisica sia associata ad una maggiore efficienza del sonno e al successo e al mantenimento della perdita di peso. Impegnarsi in almeno 200 minuti di attività fisica settimanale di intensità moderata, come una camminata veloce, infatti, è fortemente raccomandato dalle Linee guida sull’attività fisica per gli americani del 2008 ed è stato identificato come un importante predittore del successo a lungo termine della perdita di peso.

Il consiglio, dunque, è quello di assicurarsi sempre un sonno di qualità, curando lo stile di vita e seguendo un’alimentazione sana ed equilibrata.

 

CONDIVIDI
Dott.ssa Annamaria Iorio
Mi chiamo Annamaria Iorio e sono una biologa nutrizionista iscritta all’ordine dei biologi sez. A n° AA_088478. Ho conseguita la laurea triennale in “Tecnologie Alimentari” presso l’università degli studi di Napoli “Federico II” con una tesi in Biochimica dal titolo: Le proprietà benefiche del thè per migliorare la qualità dei prodotti alimentari e la laurea magistrale in “Scienze degli Alimenti e della Nutrizione” presso l’università degli studi di Napoli “Luigi Vanvitelli” con una tesi sperimentale in Chimica degli Alimenti dal titolo: “Quercetina come, dove e perché? Infobesity di un noto bioattivo?”. Dopo la formazione accademica ho seguito vari corsi di aggiornamento grazie ai quali ho potuto ampliare le mie conoscenze in ambito di analisi alimentare, ricomposizione corporea, alimentazione sportiva, dimagrimento rapido e cellulite. Ed è proprio su questi argomenti che sto approfondendo e proseguendo i miei studi. Attualmente lavoro come libera professionista nel mio studio privato in provincia di Caserta, dove elaboro piani personalizzati sia per pazienti in condizioni fisiologiche che patologiche.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome