Ipogonadismo associato all’obesità e alle ridotte ore di sonno

Recenti studi che mostrano l'influenza dei disturbi del sonno sui livelli di testosterone hanno suggerito un potenziale ruolo dei disturbi del sonno nel determinare lo sviluppo di MOSH.

tagmedicina,sonno

È stato dimostrato che l’obesità negli uomini è associata a un ridotto potenziale riproduttivo e questo particolare sottotipo è stato descritto come ipogonadismo secondario associato all’obesità maschile (MOSH).

Recenti studi che mostrano l’influenza dei disturbi del sonno sui livelli di testosterone hanno suggerito un potenziale ruolo dei disturbi del sonno nel determinare lo sviluppo di MOSH.

Un recente studio ha voluto valutare l’associazione tra la durata del sonno notturno e il pisolino diurno e la prevalenza di MOSH.

In questo studio trasversale sono stati arruolati 226 partecipanti maschi obesi di età compresa tra 18 e 30 anni. I dati sulla durata del sonno diurno e notturno sono stati raccolti utilizzando un questionario standardizzato in lingua cinese auto-riferito.

MOSH è stato definito come uomini obesi (BMI≥30 kg/m2) con sintomi ipogonadici e diminuzione del livello di testosterone totale e/o del livello di testosterone libero, escludendo altre cause di ipogonadismo.

Risultati

La prevalenza complessiva di MOSH è stata del 48,2% in questo studio. È stata osservata un’associazione inversa tra la durata del sonno notturno e il rischio di MOSH prevalente.

Gli uomini che hanno riportato meno di 6 ore di sonno notturno avevano ridotto il testosterone totale e i livelli di testosterone libero e un aumentato rischio di MOSH.

Un’ulteriore analisi di regressione ha rivelato che, dopo aggiustamento per potenziali fattori confondenti, l’odds ratio di MOSH per il gruppo di sonno notturno breve (<6 h vs. 6-8 h) era 6,17 (P = 0,040). Non è stata osservata alcuna associazione significativa tra lo stato di sonnellino diurno e la prevalenza di MOSH.

La breve durata del sonno notturno è stata associata ad un aumentato rischio di MOSH nella giovane popolazione obesa.

La riduzione cronica del sonno ha un effetto negativo sulla salute degli uomini obesi in termini di ipogonadismo.

 

CONDIVIDI
Dott. Andrea Militello, Urologo/Andrologo
Laurea in “Medicina e Chirurgia" conseguita nel luglio 1991 con votazione di 110/110 e lode presso l’Universita’ degli Studi di Roma “La Sapienza”, discutendo la tesi sperimentale: ”Chemioterapia endocavitaria con epidoxorubicina e interferone per via sistemica nella profilassi dei tumori superficiali della vescica”. Nel novembre 1996 ha conseguito la specializzazione in Urologia con votazione di 70/70 e lode presso il Dipartimento di Urologia “U. Bracci” del Policlinico “Umberto I” di Roma discutendo la tesi sperimentale: ”L’ecografia trans rettale, il PSA ed il PSAD. Tre metodiche a confronto nella diagnostica del carcinoma della prostata”. Nel 2014 conseguimento di Master di II livello in Andrologia ,implantologia e chirurgia protesica. Nel 2016 conseguimento Master di secondo livello in Seminologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Dal 2018 revisore delle riviste scientifiche Central European Journal of Urology , Hormone and Metabolic Research Journal. Dal 2018 libero docente presso l’Università Federiciana di Cosenza. Nel 2014 vincitore del Doctoralia Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia , nel 2018 Vincitore del Mio Dottore Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome