Alimentazione nel calcio

Il giocatore di calcio deve nutrire il proprio fisico per ottenere l’energia necessaria per svolgere gli allenamenti, e non solo, infatti dovrà fornire i nutrienti necessari alla ricostruzione muscolare durante i momenti di riposo.

tagmedicina,Alimentazione

Una corretta alimentazione è la base sulla quale il calciatore deve fondare la propria preparazione, in quanto aumenta il rendimento, prevenendo infortuni ed accellerando il recupero, contrariamente può esssere concausa di infortuni e di affaticamenti muscolari facilmente evitabili.

Il giocatore di calcio deve nutrire il proprio fisico per ottenere l’energia necessaria per svolgere gli allenamenti, e non solo, infatti dovrà fornire i nutrienti necessari alla ricostruzione muscolare durante i momenti di riposo.

Gli elementi principali di cui ha bisogno sono quindi:

carboidrati, proteine, grassi vegetali vitamine e minerali, insomma i macro e micronutrienti di cui l’organismo ha bisogno che serve alla preparazione atletica di un calciatore per mantenere il suo equilibrio biochimico ideale, che supportano lo sforzo e consentono tempi di recupero relativamente bassi.

Il tutto da assumere nei diversi momenti della giornata.

La tipologia di allenamento richiesta è un misto tra fase aerobica ed anaerobica, con tratti dedicati alla resistenza e tratti dedicati alla potenza esplosiva.

Per ottenere questo il corpo deve essere pieno di vitamine e minerali, con importanti riserve di zuccheri sia a lento rilascio che veloce (prima della partita)

Per la ricostruzione muscolare è fondamentale ingerire proteine in modo bilanciato, considerando che troppe rallentano e appesantiscono l’organismo e poche rallentano la ricostruzione muscolare.

Solitamente durante la fase di preparazione atletica il calciatore è sottoposto a due sedute giornaliere una la mattina ed una il pomeriggio

Durante la mattina l’atleta necessita di energia per nutrire al meglio i muscoli ed avere un buon rendimento durante l’allenamento, ecco perché è bene prediligere cibi ricchi di carboidrati, vitamine e minerali

Dopo l’allenamento il corpo si deve riposare e deve recuperare dalla fatica accumulata durante il giorno quindi, per la ricostruzione ed il recupero occorrono cibi ricchi di proteine e vitamine

Naturalmente le quantità variano da individuo ad individuo ed è bene consultare sempre un nutrizionista che con il bioimpedenziometro calcolerà il quadro personale dell’atleta.

 

CONDIVIDI
Dott.ssa Silvana Di Martino
Nata a Napoli il 6 Luglio del 1970 ed ha conseguito la Laurea in Scienze Biologiche, presso l’Università Federico II di Napoli. Dottore di ricerca in Patologia Clinica, presso Policlinico Università Federico II di Napoli, inizia il suo percorso nel 1997, presso Cirio ricerche ”Produzione di latte delattosato per soggetti intolleranti al lattosio” per il CNR di Napoli. Dal 2003 presso l’Istituto Tumori Pascale di Napoli, sotto la direzione del Prof.re Paolo Ascierto, Valutazione post terapia della immunosoppressione tumorale in pazienti affetti da neoplasia in fase avanzata” Istituto Nazionale per lo studio e la cura dei tumori “Fondazione Giovanni Pascale” In collaborazione con il CROM e CNR di Avellino, continua il suo percorso di ricerca sul melanoma e indagini epidemiologiche sulla nutrizione” Progetto sull’educazione alimentare nelle scuole medie di Sperone (AV) per il CROM di Avellino” con oltre 30 pubblicazioni a suo nome Nazionali ed Internazionali, di cui alcune a suo primo nome. Dal 2006 sceglie la professione libera nel settore della nutrizione presso il suo centro Nutrizione&Benessere, sito a Casoria in via Leonardo Da Vinci 32, dove da direttore di estetica esercita un completamento estetico a quello nutrizionale e di ricerca, inoltre collabora con vari professionisti, seguendo percorsi nutrizionali che vanno dall’infanzia all’età senile, alla medicina estetica. Dal 2011-2013 con il Mo.D.A.V.I Onlus progetto scuole –Stile di vita e giusta alimentazione nelle scuole medie superiori della campania. Si avvale inoltre dell’analisi di Stress ossidativo, che viene eseguita presso la Federico II di Napoli, per poter elaborare diete antiossidanti. Oltre ad avere il suo centro a Casoria, la dottoressa esercita la sua professione, presso vari studi medici sparsi in tutta Italia, dalla Regione Calabria, alla Toscana al Veneto Dal 2015 diventa pubblicista per varie testate giornalistiche online, fino a conseguire nel 2020, il titolo di giornalista.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome