Come non ingrassare a Natale

Possiamo limitare i danni, ma se in queste giornate vi capita di mangiare di più, ricordate che non sarà una settimana durante tutto l’anno a mettervi fuori forma.

tagmedicina,Natale

lL Natale è un periodo ricco di emozioni, per molti contrastanti. C’è chi lo ama e chi lo odia, fatto sta che dal Natale è impossibile sfuggire.

Gli addobbi nelle città si fanno vedere già da fine Novembre e panettoni, pandori così come cotechini, zamponi, frutta secca ed altre leccornie spuntano sui banchi dei mercati da metà ottobre.

Capita così d’acquistare cibi inusuali per le nostre abitudini quotidiane, alimenti che si mangiano per un periodo che può anche durare settimane, senza accorgersi particolarmente di quante calorie introduciamo.

QUANTO PESA IL NATALE?

Le feste di Natale prevedono una vigilia festosa la sera del 24, oppure un pranzo il giorno di Natale e un altro pranzo il giorno di Santo Stefano. Proseguendo ci rimettiamo a tavola per festeggiare l’ultimo dell’anno, il pranzo del primo, poi il giorno della Befana. Bene che vada, abbiamo festeggiato 5 ricorrenze che prevedono cene o pranzi decisamente festaioli ed abbondanti. Ognuno di questi pasti può “pesare” da 3000 a 6000 calorie (Kcal), per restare mediamente bassi calcoliamo che ogni giornata di festa tra: colazione con un po’ di panettone, pranzo o cena festaioli, qualche brindisi augurale con amici e parenti, possa apportare 4.000 Kcal. Aggiungendo altre calorie extra derivate da altri alimenti che in quei giorni circolano per casa: pandoro, cioccolata, torroni, maron glacé, salumi e frutta secca, è probabile ritrovarsi a metà gennaio con 3 o 4 chili in più.

COSA FARE PER NON INGRASSARE A NATALE

Possiamo limitare i danni, ma se in queste giornate vi capita di mangiare di più, ricordate che non sarà una settimana durante tutto l’anno a mettervi fuori  forma. Se il mangiare rimane comunque entro un range calorico non eccessivamente alto. Bisogna tenere conto di molti fattori personali come: l’età, il lavoro, l’attività fisica, lo stress, neat…

Vediamo cosa possiamo fare in questo atteso mese:

  • Continuare a svolgere attività fisica. Vero che questo 2020 ci ha messo molti paletti tra le ruote. Molti sono stati male ed altri hanno perso persone care. Le palestre sono chiuse da tempo e molte persone perdono la motivazione. Emotivamente è un anno di resilienza. Senza stress o diminuendo una seduta, cercare di muoversi, continuando il proprio programma o meglio, facendosi seguire da un professionista.

  • Consumare cibi qualitativamente corretti. Cibi ricchi di nutrienti con un alto indice di sazietà.

  • Evitare di mangiare continuativamente. Quando il nostro sistema digerente è continuamente al lavoro, qualche ora di digiuno può fare solo che bene.

  • Siete di quelle che i periodi di festa interrompono tutto (come quando andavamo a scuola e c’erano le vacanze!)va bene, basta non lasciarsi andare al momento del rientro/ripresa. Come si è capaci a fermarsi, bisogna essere altrettanto bravi a riprendere. Il rischio è sempre quello di non riuscire a rimettersi in moto e tentennare fino a marzo-aprile quando poi scatta l’ansia da prova costume.

  • Visto il clima freddo consumare durante la giornata e la sera tisane (finocchio, carciofo, tarassaco,betulla..) e thè verde (antibatterico,  antiossidante e migliora l’utilizzo di insulina grazie alle sue proprietà). Zenzero e cannella non dovrebbero mai mancare.

  • I cibi sani, gli alimenti freschi e leggeri sanno riequilibrare il nostro corpo provato dagli eccessi alimentari delle feste. Cercate di recuperare nei pasti successivi con tanta verdure, proteine ed un po’ di frutta lontano dai pasti.

  • Raggiungere un totale di passi giornaliero che rientri tra gli 8.000710.000 al giorno.

COME ALLENARSI A NATALE

Chi si trova ad allenarsi con costanza ma senza un programma ben preciso consiglio di approfittare di questo periodo sfruttando un total body ad alta intensità 2/3 volte a settimana per 30-40 min al max, fino ad arrivare a fine festività e valutare un percorso che porti alla prova costume in maniera ottimale.

Un lavoro globale e indicato per tutti, con particolare attenzione a chi si cimenta per la prima volta nell’attività fisica; evitiamo di improvvisare allenamenti troppo intensi solo per “limitare i danni” alimentari. Approfittiamo, invece, delle feste, di questo periodo di solitudine per dedicarci al nostro benessere. Cominciare un programma di attività fisica graduale e costante il quale, protratto nel tempo, darà senz’altro i suoi risultati.

Chi svolge attività sportiva differente dalla sala pesi avrà sicuramente una preparazione ed un percorso preciso da seguire. In ogni caso, qualsiasi attività si scelga di svolgere non abbandoniamola del tutto solamente perché ci sono dei giorni di festa; un’oretta per muoversi e star meglio, soprattutto dopo pasti più abbondanti del solito, va trovata.

 

CONDIVIDI
Dott.ssa Elisabetta Sartini
Laureata presso Università degli studi di Siena come Infermiera. Conseguito diploma come Naturopata con master in Riflessologia plantare. Personal Trainer dal 2017, presso Guido Bruscia PtLab, con specializzazione in Allenamento Funzionale, Allenamento Femminile, Alimentazione ed Integrazione sportiva.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome