Malattie Rare:Sindrome di Tourette

È caratterizzata tipicamente da movimenti involontari e da disturbi conosciuti come tic

tagmediccina,Sindrome

La sindrome di Tourette è uno stato neurologico che pregiudica il cervello ed il sistema nervoso e che si evidenzia fin dall’età pediatrica. È caratterizzata tipicamente da movimenti involontari e da disturbi conosciuti come tic. La malattia è stata nominata così dopo che un medico francese chiamato Georges Gilles de la Tourette ne ha descritto le caratteristiche nel XIX secolo.

SINTOMATOLOGIA

I sintomi si manifestano durante l’infanzia e continuano nell’età adulta. Una persona con la sindrome di Tourette si distingue per questi tic che possono essere fonici o anche movimenti fisici come agitare la testa o saltare.Per molti malati si rischia l’isolamento sociale e l’autostima bassa fino alla depressione ed all’ansia.

TRATTAMENTO

Questo tipo di malattia risulta incurabile ma il trattamento è puntato su che gestisce i sintomi della circostanza. Una volta che un bambino è diagnosticato con la sindrome di Tourette, una pianificazione del trattamento è sviluppata solitamente da un gruppo pluridisciplinare compreso un neurologo, un pediatra, uno psichiatra e un consulente, per esempio. Accanto alla terapia comportamentistica per i tic più frequenti o più severi, i farmaci che possono essere prescritti includono gli agonisti di alpha2-adrenergic, gli antagonisti della dopamina e gli antispastici. Nel corso del trattamento i sintomi potrebbero migliorare significativamente circa dieci anni dopo il loro inizio ed i farmaci e l’altra terapia non possono essere necessari mentre i sintomi diventano meno frequenti e severi e finalmente scompaiono. Ma esiste la possibilità che i sintomi continuino a persistere durante tutta la vita, sebbene diventino solitamente più delicati quando l’età di una persona malata avanza.

(Fonte News Medical Science)

 

CONDIVIDI
Vittorio Pietracci
56 anni, marchigiano di Fermo vive in Romagna dal settembre del 2000. Giornalista professionista dal 1991, ha lavorato in quotidiani di diverse regioni (Marche, Umbria, Toscana, Lazio ed Emilia Romagna) fino alla qualifica di caporedattore centrale. Tra le sue esperienze anche l'assunzione, quale esperto per l'informazione, presso l'ufficio di Gabinetto del presidente del Consiglio regionale delle Marche dott. Alighiero Nuciari nei primi anni 90 e quelle radiofoniche presso alcune emittenti private sempre delle Marche.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome