Stomatiti e afte, un fastidio per la bocca

tagmedicina,stomatiti

Le stomatiti si distinguono in gengiviti, glossiti e cheiliti, a seconda che i sintomi siano limitati rispettivamente alle gengive, alla lingua o alle labbra. Possono essere causate da infezioni (batteriche, virali, fungine), farmaci (es. chemioterapici, radioterapici, Fans), malattie sistemiche, agenti irritanti, secchezza della bocca, traumi.

In caso di afte orali, fino a che l’epitelio non si rigenera, le terminazioni nervose sono esposte a stimoli di varia origine che provocano sintomatologia dolorosa. Le più frequenti sono le afte minori, le afte maggiori, più rare, hanno il diametro superiore a 1 cm. Le afte erpetiformi sono meno comuni ma assai dolorose e appaiono come un insieme di piccole ulcerazioni. Le cause delle afte orali sono oggi poco chiare.

Sintomi

I sintomi delle stomatiti possono essere localizzati o diffusi su tutta la bocca. Vanno da arrossamento e gonfiore fino alla comparsa di vere e proprie ulcerazioni (afte), talvolta si verifica anche sanguinamento. Il dolore aumenta generalmente durante l’assunzione di cibo o la pulizia dei denti.

Trattamento

L’acido ialuronico permette di formare una barriera protettiva che isola la lesione evitando il contatto con lingua, saliva e cibo, inoltre questo principio attivo sostiene il processo naturale di ricostituzione dei tessuti lesi. Il suo utilizzo è sicuro in gravidanza e allattamento. I probiotici regolarizzano invece l’equilibrio intestinale e aiutano a contrastare un eventuale abbassamento delle difese immunitarie. Anche i probiotici sono utilizzabili in gravidanza.
Anche le sostanze naturali possono svolgere un ampio range di azioni terapeutiche: antiossidante, antinfiammatoria, lenitiva, emolliente e riepitelizzante.

Le piante utilizzate per la cura delle affezioni della bocca possiedono molte di queste azioni. Ci sono classi di sostanze come flavonoidi, polisaccaridi, resine e tannini. La scelta del prodotto va fatta tenendo presente le sue qualità generali e la presenza delle classi di principi attivi necessari a ottenere gli effetti desiderati. Sono utili ad esempio Altea, Aloe vera gel, malva propoli, mirra.


Bibliografia

  • Inquadramento clinico e gestione dei disturbi minori in farmacia di Corrado Giua Marassi, edizioni Edra

 

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome