Dolori da SmartWorking

Ormai gran parte delle persone passa ore ed ore per motivi di lavoro con il nuovo sistema “Smartworking”, con il rischio che si presenti qualche dolorino o fastidio alle mani e dita.

Tagmedicina, dolori

Un uso eccessivo di PC, Smartphone, Tablet,etc. è da sempre risaputo che possa nel tempo essere causa di dolori alle mani e dita (arto superiore in genere).

Ormai gran parte delle persone passa ore ed ore per motivi di lavoro con il nuovo sistema “Smartworking”, con il rischio che si presenti qualche dolorino o fastidio alle mani e alle dita. Teniamo presente che nella quotidianità siamo abituati a diversi movimenti, meglio ancora a degli automatismi, come guidare, mangiare, lavorare, andare in palestra, fare sport, e così via.

Questa alternanza di cose che noi facciamo si associa ad un’alternanza di posture che aiuta a non sovraccaricare diverse strutture articolari dell’arto superiore, in particolare la mano e la spalla.

Nel caso di eventuali disturbi che si andranno a manifestare “nuovi o già presenti” non sono responsabili i sistemi tecnologici (Smartphone, PC, etc), ma le posture scorrette mantenute per lungo tempo nell’utilizzo.

Se gli stessi movimenti vengono ripetuti per molto tempo (stress ripetitivi), alcuni tendini della mano possono subire degli stress da sovraccarico funzionale (Overuse).

Il caso più comune secondo alcuni specialisti della chirurgia della mano, è il classico dito a scatto, un processo infiammatorio della guaina sinoviale, una sorte di canale protettivo, nella quale scorrono i tendini flessori delle dita. Il dito più interessato è di solito il pollice (detto appunto pollice da Smartphone).

Possiamo dire che vale la stessa cosa per la tendinite di De Quervain. In questo caso specifico sono interessati due tendini che controllano il pollice. Una delle cause scatenanti di questa tendinite è associata all’uso del Mouse che per lungo tempo assumiamo; posture non adeguate. Spesso si associano altri sintomi come ad esempio dolore al gomito e alla spalla fino ad arrivare al rachide cervicale.

Gomito: epicondilite/epitrocleite

Spalla: infiammazione della cuffia dei rotatori.

Rachide cervicale: Cervicalgia.

Da qui si può dedurre come sia complessa la postura.

Ritorniamo alla mano, possiamo citare un’altra patologia che si manifesta spesso: la S.T.C. sindrome del tunnel carpale dovuta dalla compressione del nervo mediano al suo passaggio all’interno del tunnel carpale, un canale delimitato dalle ossa del polso e dal tessuto connettivale.

Fonte dell’immagine : dispensa corso riabilitazione della mano ospedale policlinico di Modena nell’anno 2009

Si manifesta con dolore, formicolio e alterazioni della sensibilità delle dita, spesso di notte o al risveglio. Si consiglia sempre una valutazione clinica ortopedica presso specialisti dell’arto superiore, meglio ancora specialista della mano.

Dal punto di vista Osteopatico posturale, si consiglia a tutti coloro che per motivi di lavoro, in particolare in questo periodo che utilizzeranno più del dovuto i sistemi tecnologici sopracitati per lo svolgimento dello Smartworking, di fare delle pause ed eseguire esercizi di mobilità per gli arti inferiori.

 

CONDIVIDI
Gianfranco Borrillo
Massofisioterapista / Osteopata nato a Rimini il 29/03/1972. Libero professionista titolare dello studio privato KINESY-THERAPY sito in Bellaria Igea Marina (RN) via Mar Jonio 61/B . Mi occupo della riabilitazione motoria con pluriesperienza dell’arto superiore in particolare spalla e mano e dell’arto inferiore nel pre e post – operatorio. Programmi specifici per il recupero dell’atleta infortunato, trattamenti pre-gara. Osteopatia per problematiche osteo aticolari. Si esegue valutazione posturale in dinamica e statica con adeguati strumenti di posturologia digitalizzata per una più appropriata programmazione personalizzata del paziente.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome