La sindrome post finasteride esiste !!

Recentemente ci sono state segnalazioni di reazioni avverse correlate al farmaco che sono persistite per almeno tre mesi dopo l'interruzione di questo farmaco e il termine sindrome post-finasteride è sorto

tagmedicina,finasteride

La finasteride è un inibitore dell’enzima 5α-reduttasi che è stato approvato per il trattamento dell’alopecia androgenetica maschile dal 1997. Nel tempo è stato considerato un farmaco sicuro e ben tollerato con effetti collaterali rari e reversibili. Recentemente ci sono state segnalazioni di reazioni avverse correlate al farmaco che sono persistite per almeno tre mesi dopo l’interruzione di questo farmaco e il termine sindrome post-finasteride è sorto. Include sintomi sessuali, neuropsichiatrici e fisici persistenti. Gli studi fino ad oggi non possono confutare o confermare questa sindrome come entità nosologica. Se effettivamente esiste, sembra verificarsi in soggetti sensibili, anche se esposti a piccole dosi e per brevi periodi, e i sintomi possono persistere per lunghi periodi. Sulla base dei dati attualmente disponibili, l’uso di inibitori della 5α-reduttasi in pazienti con anamnesi di depressione, disfunzione sessuale o infertilità deve essere valutato attentamente e individualmente.

 

CONDIVIDI
Dott. Andrea Militello, Urologo/Andrologo
Laurea in “Medicina e Chirurgia" conseguita nel luglio 1991 con votazione di 110/110 e lode presso l’Universita’ degli Studi di Roma “La Sapienza”, discutendo la tesi sperimentale: ”Chemioterapia endocavitaria con epidoxorubicina e interferone per via sistemica nella profilassi dei tumori superficiali della vescica”. Nel novembre 1996 ha conseguito la specializzazione in Urologia con votazione di 70/70 e lode presso il Dipartimento di Urologia “U. Bracci” del Policlinico “Umberto I” di Roma discutendo la tesi sperimentale: ”L’ecografia trans rettale, il PSA ed il PSAD. Tre metodiche a confronto nella diagnostica del carcinoma della prostata”. Nel 2014 conseguimento di Master di II livello in Andrologia ,implantologia e chirurgia protesica. Nel 2016 conseguimento Master di secondo livello in Seminologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Dal 2018 revisore delle riviste scientifiche Central European Journal of Urology , Hormone and Metabolic Research Journal. Dal 2018 libero docente presso l’Università Federiciana di Cosenza. Nel 2014 vincitore del Doctoralia Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia , nel 2018 Vincitore del Mio Dottore Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome