La psico-nutrizione ai tempi del coronavirus

A cura della Dottoressa Silvana Di Martino BIOLOGONUTRIZIONISTA E della Dottoressa Rita Menditto PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA

tagmedicina,nutrizione

Ippocrate padre della medicina, diceva tutte le malattie partono dall’intestino, proprio perché è nell’intestino dove troviamo la più alta carica batterica, che Il microbiota intestinale (meglio noto come flora batterica intestinale, svolge molte importanti funzioni per il mantenimento dello stato di salute dell’ospite.

Un microbiota sano, infatti, ci protegge da diverse patologie (obesità, diabete di tipo 2, sindrome metabolica, malattie infiammatorie intestinali, diverticoli, cancro del colon-retto, artrite reumatoide e allergie).

Un’alterata composizione del microbiota ci può, di contro, esporre al rischio di insorgenza delle già citate patologie.

Per tale motivo risulta di estrema importanza monitorare il microbiota per permettere il ripristino dell’eubiosi intestinale. In questo momento storico è fondamentale fortificare più che mai il nostro sistema intestinale con alcuni semplici alimenti da inserire nel nostro piano alimentare tutti i giorni:

Colazione al mattino fatta di probiotici, come yogurt, che aiutano il primo tratto dell’intestino, ed estratti di foglie, ossia il famoso liquido verde che contribuisce a mantenere la flora batterica in equilibrio con le fibre.

A pranzo ed a cena pasteggiamo sempre con un buon bicchiere di vino e mangiamo pane fatto con grano saraceno, entrambi sono ricchi di resveratrolo,posseduto dalle piante come difesa contro batteri e funghi.

E poi condiamo i nostri cibi con olio extravergine di oliva di prima premitura ricco di antiossidanti.

In questo periodo di emergenza non mangiamo tanto mangiamo sano.

Inoltre con il nostro nuovo ed interessante approccio, interdisciplinare, tra Scienza della Nutrizione e Psicologia,andiamo ad esplorare le relazioni tra pensieri, sentimenti e credenze inconsce sulla nutrizione, il loro impatto sulle condotte alimentari e sul metabolismo.

Il legame tra i nostri comportamenti, tra cui quello alimentare, e il nostro mondo emotivo è molto stretto. Il modo in cui ci alimentiamo è profondamente influenzato dalle dimensioni emotive, sociali e culturali.

Sappiamo bene,sopratutto oggi, che nutrirsi in modo sano ed equilibrato rappresenta un efficace mezzo di prevenzione, nonché una fonte di benessere fisico e psicologico. Esistono profonde connessioni tra ciò che mangiamo ed il nostro cervello.

Di conseguenza, umore e stress influenzano e sono influenzati da ciò di cui ci nutriamo.

È importante conoscere ed imparare quei principi che stanno alla base di una alimentazione equilibrata, come scegliere ed abbinare gli alimenti, e degli effetti che il cibo produce sul nostro organismo, ma bisogna anche essere consapevoli del modo in cui i nostri stati emotivi influenzano il mangiare.

In particolare concentriamoci sulle affascinanti connessioni tra cervello, corpo, digestione e comportamento alimentare. È certamente utile cimentarsi in cucina, adesso abbiamo tutto il tempo per dedicarci a ricette sane e gustose.

Può essere un modo per essere creativi e utili allo stesso tempo, con un risultato certo, spalmare e stemperare la tensione e lo stress accumulato in questo momento storico che ci circonda.

Ricordarti inoltre che l’esercizio fisico in casa (es.: seguendo tutorial TV) può aiutare ad affrontare le conseguenze psicofisiche degli eventi stressanti, come sappiamo mens sana in corpore sano!

 

CONDIVIDI
Dott.ssa Silvana Di Martino
Nata a Napoli il 6 Luglio del 1970 ed ha conseguito la Laurea in Scienze Biologiche, presso l’Università Federico II di Napoli. Dottore di ricerca in Patologia Clinica, presso Policlinico Università Federico II di Napoli, inizia il suo percorso nel 1997, presso Cirio ricerche ”Produzione di latte delattosato per soggetti intolleranti al lattosio” per il CNR di Napoli. Dal 2003 presso l’Istituto Tumori Pascale di Napoli, sotto la direzione del Prof.re Paolo Ascierto, Valutazione post terapia della immunosoppressione tumorale in pazienti affetti da neoplasia in fase avanzata” Istituto Nazionale per lo studio e la cura dei tumori “Fondazione Giovanni Pascale” In collaborazione con il CROM e CNR di Avellino, continua il suo percorso di ricerca sul melanoma e indagini epidemiologiche sulla nutrizione” Progetto sull’educazione alimentare nelle scuole medie di Sperone (AV) per il CROM di Avellino” con oltre 30 pubblicazioni a suo nome Nazionali ed Internazionali, di cui alcune a suo primo nome. Dal 2006 sceglie la professione libera nel settore della nutrizione presso il suo centro Nutrizione&Benessere, sito a Casoria in via Leonardo Da Vinci 32, dove da direttore di estetica esercita un completamento estetico a quello nutrizionale e di ricerca, inoltre collabora con vari professionisti, seguendo percorsi nutrizionali che vanno dall’infanzia all’età senile, alla medicina estetica. Dal 2011-2013 con il Mo.D.A.V.I Onlus progetto scuole –Stile di vita e giusta alimentazione nelle scuole medie superiori della campania. Si avvale inoltre dell’analisi di Stress ossidativo, che viene eseguita presso la Federico II di Napoli, per poter elaborare diete antiossidanti. Oltre ad avere il suo centro a Casoria, la dottoressa esercita la sua professione, presso vari studi medici sparsi in tutta Italia, dalla Regione Calabria, alla Toscana al Veneto Dal 2015 diventa pubblicista per varie testate giornalistiche online, fino a conseguire nel 2020, il titolo di giornalista.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome