Alimentazione in movimento: basta una passeggiata di 20 minuti al giorno

Basta una passeggiata di 20 minuti al giorno, come illustrato in figura, per ottenere i risultati

Tagmedicina, alimentazione-movimento

La corretta alimentazione è l’insieme dei rapporti nei confronti del cibo che permette il mantenimento della propria salute nel rispetto dell’ambiente e degli altri. Il termine dieta” indica una selezione ragionata di alimenti, e non necessariamente un regime alimentare finalizzato ad ottenere perdita di peso (ovvero una dieta ipocalorica) . A tal proposito un’alimentazione equilibrata e sufficiente movimento sono fondamentali per un peso corporeo sano e una buona salute. Sovrappeso ed obesità indicano,infatti, uno squilibrio tra questi due comportamenti, ovviamente quando non dipendono da altre cause fuori dal controllo individuale. Quindi fare frequente movimento è un fattore protettivo importante contro le malattie cardiovascolari, il diabete e l’osteoporosi. L’attività fisica favorisce inoltre il benessere psichico, la gestione dello stress, l’autostima, e prolunga l’autonomia delle persone anziane. La particolarità del movimento, e che non si è costretti a farlo per forza in palestra o spendere soldi con personal trainer, ma basta una passeggiata di 20 minuti al giorno per ottenere i risultati elencati in precedenza, con la classica passeggiata veloce, come illustrato in figura.

CONDIVIDI
Dott.ssa Silvana Di Martino
Nata a Napoli il 6 Luglio del 1970 ed ha conseguito la Laurea in Scienze Biologiche, presso l’Università Federico II di Napoli. Dottore di ricerca in Patologia Clinica, presso Policlinico Università Federico II di Napoli, inizia il suo percorso nel 1997, presso Cirio ricerche ”Produzione di latte delattosato per soggetti intolleranti al lattosio” per il CNR di Napoli. Dal 2003 presso l’Istituto Tumori Pascale di Napoli, sotto la direzione del Prof.re Paolo Ascierto, Valutazione post terapia della immunosoppressione tumorale in pazienti affetti da neoplasia in fase avanzata” Istituto Nazionale per lo studio e la cura dei tumori “Fondazione Giovanni Pascale” In collaborazione con il CROM e CNR di Avellino, continua il suo percorso di ricerca sul melanoma e indagini epidemiologiche sulla nutrizione” Progetto sull’educazione alimentare nelle scuole medie di Sperone (AV) per il CROM di Avellino” con oltre 30 pubblicazioni a suo nome Nazionali ed Internazionali, di cui alcune a suo primo nome. Dal 2006 sceglie la professione libera nel settore della nutrizione presso il suo centro Nutrizione&Benessere, sito a Casoria in via Leonardo Da Vinci 32, dove da direttore di estetica esercita un completamento estetico a quello nutrizionale e di ricerca, inoltre collabora con vari professionisti, seguendo percorsi nutrizionali che vanno dall’infanzia all’età senile, alla medicina estetica. Dal 2011-2013 con il Mo.D.A.V.I Onlus progetto scuole –Stile di vita e giusta alimentazione nelle scuole medie superiori della campania. Si avvale inoltre dell’analisi di Stress ossidativo, che viene eseguita presso la Federico II di Napoli, per poter elaborare diete antiossidanti. Oltre ad avere il suo centro a Casoria, la dottoressa esercita la sua professione, presso vari studi medici sparsi in tutta Italia, dalla Regione Calabria, alla Toscana al Veneto Dal 2015 diventa pubblicista per varie testate giornalistiche online, fino a conseguire nel 2020, il titolo di giornalista.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

1 COMMENTO

  1. Mi permetto di ricordare che non è sufficiente fare una passeggiata di 20 minuti per ottenere dei risultati in termini di salute. Infatti l’attività fisica che migliora il nostro organismo ha tre condizioni per ottenere questo risultato. I tre fattori sono CONTINUITÀ’, FREQUENZA ed INTENSITÀ’. Per continuità si intende che nell’arco dell’anno non si deve interrompere l’allenamento per oltre tre settimane consecutive. Per frequenza si intende che le sedute settimanali non devono essere inferiori a 3. Per intensità si intende che il livello di esercizio in ogni singola seduta non deve essere inferiore al 60% della frequenza cardiaca massima. Solo così si avranno risultati misurabili e costanti. Diversamente faremmo solamente una attività non sedentaria che andrebbe benissimo ugualmente ma non sarebbe totalmente performante dal punto di vista della salute.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome