L’abuso di alcol danneggia la funzione testicolare

Effetti significativi sulla morfologia e sulla funzione testicolare negli animali e nell'uomo sono stati ben descritti.

tagmedicina,testicolare

Assumere eccessive quantità di alcolici continua ad essere un grosso problema in molte parti del mondo. Effetti significativi sulla morfologia e sulla funzione testicolare negli animali e nell’uomo sono stati ben descritti. Per esplorare ulteriormente l’impatto dell’esposizione cronica all’etanolo sui testicoli, sono stati progettati studi specifici per definire se ci fosse un recupero completo dopo l’astinenza esaminando ormoni riproduttivi, istomorfometria testicolare, antiossidanti testicolari e parametri del seme dopo l’esposizione all’etanolo.

Un importante studio ha utilizzato ratti maschi Sprague – Dawley sessualmente maturi che sono stati divisi casualmente in gruppi di controllo, astinenti e non astinenti. L’alcol è stato somministrato per via orale a 7 ml / kg di peso corporeo al giorno tre volte in una settimana per 2, 4 e 8 settimane. Gli animali di controllo hanno ricevuto una quantità equivalente di acqua distillata. L’analisi istologica dei tubuli seminiferi degli animali nel gruppo non astinente ha mostrato una grave riduzione delle cellule della serie spermatogenica, ipocellularità, atrofia tubulare e significative riduzioni del diametro tubulare e delle aree trasversali (p <0,001). Anche il peso del testicolo, il conteggio degli spermatozoi e la motilità sono stati significativamente ridotti (p <0,001) mentre i livelli di malondialdeide testicolare (tMDA) sono aumentati significativamente (p <0,001). Il test ormonale ha mostrato riduzioni significative dei livelli di testosterone (TT) (p <0,05) mentre l’ormone luteinizzante (LH) e l’ormone follicolo-stimolante (FSH) sono rimasti invariati. Nei gruppi di recupero o astinenza (gruppo III), nonostante settimane di astinenza dall’alcol, i gruppi hanno ancora dimostrato livelli elevati di tMDA, basso numero di spermatozoi e motilità e valori significativamente ridotti (p <0,001) del diametro del testicolo e dei valori dell’area della sezione trasversale. Tuttavia, l’aumento dei livelli di TT e una riduzione non grave dell’epitelio seminifero osservati in questi gruppi hanno mostrato segni di rigenerazione epiteliale e probabili tendenze al recupero. In conclusione, il presente studio mostra che l’astinenza totale dall’alcol a seguito della somministrazione cronica di etanolo non è riuscita a invertire il danno testicolare completamente indotto dall’alcol.

CONDIVIDI
Dott. Andrea Militello, Urologo/Andrologo
Laurea in “Medicina e Chirurgia" conseguita nel luglio 1991 con votazione di 110/110 e lode presso l’Universita’ degli Studi di Roma “La Sapienza”, discutendo la tesi sperimentale: ”Chemioterapia endocavitaria con epidoxorubicina e interferone per via sistemica nella profilassi dei tumori superficiali della vescica”. Nel novembre 1996 ha conseguito la specializzazione in Urologia con votazione di 70/70 e lode presso il Dipartimento di Urologia “U. Bracci” del Policlinico “Umberto I” di Roma discutendo la tesi sperimentale: ”L’ecografia trans rettale, il PSA ed il PSAD. Tre metodiche a confronto nella diagnostica del carcinoma della prostata”. Nel 2014 conseguimento di Master di II livello in Andrologia ,implantologia e chirurgia protesica. Nel 2016 conseguimento Master di secondo livello in Seminologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Dal 2018 revisore delle riviste scientifiche Central European Journal of Urology , Hormone and Metabolic Research Journal. Dal 2018 libero docente presso l’Università Federiciana di Cosenza. Nel 2014 vincitore del Doctoralia Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia , nel 2018 Vincitore del Mio Dottore Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome