TANORESSIA: ATTENTI AL MARE (E AL SOLE…)

Stiamo parlando di una vera e propria dipendenza patologica dal sole

Esistono dipendenze che non sono soltanto collegabili a vizi o attività mal sana. Ce ne sono di patologiche che colpiscono la psiche delle persone. La tanoressia è una di queste. Che cos’è? Stiamo parlando di una vera e propria dipendenza patologica dal sole. Un’autentica ossessione per l’abbronzatura: ci si espone senza limiti mettendo in pericolo anche la propria salute anche in orari assolutamente sconsigliati per la forza penetrativa dei raggi solari. E a poco serve l’idratazione. Il corpo subisce una sorta di violenza che può portare alla comparsa di malattie dermatologiche o addirittura anche del tumore alla pelle. Quindi massima attenzione anche in questa parte conclusiva della stagione estiva. Il sole, specie nelle ore di punta, batte ancora forte.

La cura per la tanoressia si può basare sull’utilizzo di alcuni farmaci, soprattutto gli antidepressivi e i farmaci serotoninergici in generale. Tuttavia bisogna specificare che l’approccio fondamentale è quello basato sulla psicoterapia. Il soggetto viene aiutato dal terapeuta a prendere consapevolezza del disturbo e a rintracciarne i motivi, spesso anche inconsci, che potrebbero stare alla base del problema.

56 anni, marchigiano di Fermo vive in Romagna dal settembre del 2000. Giornalista professionista dal 1991, ha lavorato in quotidiani di diverse regioni (Marche, Umbria, Toscana, Lazio ed Emilia Romagna) fino alla qualifica di caporedattore centrale. Tra le sue esperienze anche l'assunzione, quale esperto per l'informazione, presso l'ufficio di Gabinetto del presidente del Consiglio regionale delle Marche dott. Alighiero Nuciari nei primi anni 90 e quelle radiofoniche presso alcune emittenti private sempre delle Marche.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui