Xenotrapianti, negli Usa due cuori di maiale trapianti a pazienti in stato di morte cerebrale

tagmedicina,maiale

I chirurghi della New York University (NYU) hanno trapiantato con successo cuori di suino geneticamente modificati in due persone con morte cerebrale, avvicinandosi all’obiettivo di lungo termine di utilizzo di organi animali per affrontare la carenza di organi umani da trapiantare. I medici hanno dichiarato che i cuori hanno funzionato normalmente, senza segni di rigetto.

Le operazioni hanno avuto seguito al decesso, nel mese di marzo scorso, di un uomo di 57 anni del Maryland con malattia cardiaca terminale a cui era stato impiantato un cuore di maiale geneticamente modificato. Le ragioni per cui il nuovo cuore alla fine ha fallito non sono ancora chiare. Prima del trapianto la NYU ha sottoposto gli organi a screening utilizzando un protocollo di monitoraggio avanzato. I cuori non mostravano prove di virus suino denominato “citomegalovirus suino” che era stato rilevato nel sangue dell’uomo del Maryland e che potrebbe aver contribuito al suo decesso. I suini avevano ricevuto quattro modifiche genetiche per prevenire il rigetto e la crescita anormale degli organi e sei modifiche per aiutare a prevenire le incompatibilità tra animali e esseri umani.

I ricercatori affermano che lo xenotrapianto è al momento più sicuro nei riceventi con morte cerebrale che nei pazienti vivi e anche più informativo perché le biopsie possono essere eseguite più spesso. L’approvvigionamento, il trasporto, la chirurgia dei trapianti e l’immunosoppressione sono stati tutti eseguiti con le tecniche tipiche dei trapianti di cuore umano. Il dottor Nader Moazami, direttore chirurgico presso la NYU ha dichiarato che “l’obiettivo è integrare le pratiche utilizzate in un tipico trapianto di cuore umano con un organo non umano, in modo da farlo funzionare normalmente senza l’aiuto aggiuntivo di dispositivi o medicinali non testati. Alcuni esperimenti hanno prodotto dati preliminari – ha aggiunto il chirurgo – ma hanno lasciato molte domande in sospeso prima che si possano iniziare dei trials sull’uomo con organi di suino”.

Fonte Doctor 33

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome