Infezione da COVID correlata a bassi livelli di testosterone

tagmedicina, infezione

È stato ipotizzato un ruolo potenziale del testosterone tra gli ormoni sessuali nell’identificazione delle differenze legate al sesso nelle conseguenze cliniche dell’infezione da coronavirus-2 (SARS-CoV-2) della sindrome respiratoria acuta grave.

A causa dell’elevata prevalenza globale di ipogonadismo, la relazione tra ipogonadismo ed esiti dell’infezione da SARS-CoV-2 merita uno studio approfondito.

Il presente studio mirava a indagare la relazione del testosterone sierico con altri parametri di laboratorio sulla prognosi della malattia da coronavirus-19 (COVID-19) in pazienti di sesso maschile con diagnosi di COVID-19.

Questo studio prospettico di coorte ha incluso 358 pazienti maschi con diagnosi di COVID-19 e 92 pazienti COVID-19 negativi ammessi agli ambulatori di urologia come gruppo di controllo.

I pazienti COVID-19 sono stati divisi in gruppi in base alla prognosi (gruppo lieve-moderato e grave), coinvolgimento polmonare nella tomografia computerizzata del torace (<50% e >50%), necessità di unità di terapia intensiva e sopravvivenza.

Il livello sierico totale di testosterone misurato del gruppo di pazienti COVID-19 è risultato significativamente inferiore a quello del gruppo di controllo (mediana, 140 ng/dl; intervallo, 0,21-328, 322 ng/dl; intervallo, mediana, 125– 674, p < 0,001, rispettivamente).

I livelli sierici di Testosterone Totale erano statisticamente significativamente inferiori nei pazienti COVID-19 gravi rispetto ai pazienti COVID-19 lieve-moderati (mediana, 85,1 ng/dl; intervallo, 0,21-532, mediana, 315 ng/dl; intervallo, 0,88-486, p < 0,001, rispettivamente), nei pazienti COVID-19 che necessitano di cure intensive rispetto ai pazienti COVID-19 che non hanno avuto bisogno di cure intensive (mediana, 64,0 ng/dl; range, 0,21-337, mediana, 286 ng/dl; range, 0,88-532 p <0,001, rispettivamente) e nei pazienti COVID-19 deceduti rispetto ai sopravvissuti (mediana, 82,9 ng/dl; range, 2,63-165, mediana, 166 ng/dl; range, 0,21-532, p < 0,001, rispettivamente).

I dati sono compatibili con bassi livelli di Testosterone Totale che giocano un ruolo sulla patogenesi della malattia nei pazienti Covid-19 con prognosi infausta e decorso mortale e possono guidare i medici nella determinazione del decorso clinico della malattia.

 

CONDIVIDI
Dott. Andrea Militello, Urologo/Andrologo
Laurea in “Medicina e Chirurgia" conseguita nel luglio 1991 con votazione di 110/110 e lode presso l’Universita’ degli Studi di Roma “La Sapienza”, discutendo la tesi sperimentale: ”Chemioterapia endocavitaria con epidoxorubicina e interferone per via sistemica nella profilassi dei tumori superficiali della vescica”. Nel novembre 1996 ha conseguito la specializzazione in Urologia con votazione di 70/70 e lode presso il Dipartimento di Urologia “U. Bracci” del Policlinico “Umberto I” di Roma discutendo la tesi sperimentale: ”L’ecografia trans rettale, il PSA ed il PSAD. Tre metodiche a confronto nella diagnostica del carcinoma della prostata”. Nel 2014 conseguimento di Master di II livello in Andrologia ,implantologia e chirurgia protesica. Nel 2016 conseguimento Master di secondo livello in Seminologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Dal 2018 revisore delle riviste scientifiche Central European Journal of Urology , Hormone and Metabolic Research Journal. Dal 2018 libero docente presso l’Università Federiciana di Cosenza. Nel 2014 vincitore del Doctoralia Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia , nel 2018 Vincitore del Mio Dottore Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome