Antibiotici: cosa sono e come funzionano

Gli antibiotici rappresentano un gruppo di farmaci in grado di impedire lo sviluppo dei batteri, avvalendosi di differenti meccanismi d’azione.

tagmedicina, antibiotici

Gli antibiotici, a partire dalla scoperta della penicillina da parte di Alexander Fleming, hanno contribuito a migliorare la salute della popolazione umana.

E’ bene ricordare che gli antibiotici non hanno alcuna efficacia contro le infezioni virali e la maggior parte delle altre infezioni.

E’ possibile suddividere gli antibiotici in quattro gruppi, tenendo conto del meccanismo d’azione:

  • Antibiotici che inibiscono la sintesi della parete cellulare

  • Antibiotici che provocano la lisi della membrana cellulare

  • Antibiotici che inibiscono la sintesi proteica

  • Antibiotici che inibiscono la sintesi degli acidi nucleici

  • Antibiotici che inibiscono la sintesi della parete cellulare: penicilline e cefalosporine.

Questi gruppi di antibiotici sono molto selettivi, in quanto agiscono bloccando tutti quegli enzimi che permettono la sintesi del peptidoglicano ( molecola presente nella parete cellulare dei batteri) impedendo la formazione dei legami Beta-1,4 fra acido N-acetilmuramico (NAM) e N-acetilglucosamina (NAG).

Le penicilline e le cefalosporine sono antibiotici B-lattamici in quanto caratterizzati dal possedere nella molecola questo tipo di anello.

  • Antibiotici che provocano la lisi della membrana cellulare: polimixina B e daptomicina.

Questo gruppo di antibiotici altera la permeabilità della membrana citoplasmatica causandone la rottura, con la conseguente fuoriuscita del materiale all’interno della cellula.

  • Antibiotici che inibiscono la sintesi degli acidi nucleici: novobiocina, actinomicine.

La novobiocina agisce sulla topoisomerasi 2 batterica (enzima coinvolto nella sintesi del DNA)

Le actinomicine inibiscono la sintesi dell’RNA

  • Antibiotici che inibiscono la sintesi proteica:

Gli inibitori della sintesi proteica sono gli antibiotici di più largo impiego nelle terapie delle infezioni e comprendono aminoglicosidi, macrolidi, tetracicline et cetera

Fonti: MSD manual

Biologia, microbiologia e biotecnologie di Fabio Fanti

CONDIVIDI
G. Simone Mazzaglia, Tecnico in Biotecnologie
Tecnico in Biotecnologie Sanitarie e contributor freelance per Blasting News (Blasting SA). Ha partecipato in qualità di relatore per l’Italian Clinical Trial Day 2021 e sta perfezionando l’iscrizione presso il dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche ed ambientali dell’Università di Catania.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome