Dal Cisto nuovi rimedi per il diabete

Tra le piante medicinali di interesse per il trattamento del diabete c’è il Cistus laurifolius L. Un recente studio ha valutato gli effetti antidiabetici del suo estratto acquoso

tagmedicina,diabete

Le piante medicinali da sempre svolgono un ruolo significativo per la salute a livello globale, oggi in particolare nella gestione e nel trattamento di varie malattie croniche. Tra queste, il diabete ricopre un ruolo importante in quanto causa danni a lungo termine all’organismo, oltre ad avere un rilevante onere economico per la società, essendo tra le malattie croniche più costose.

Il diabete e le piante medicinali

Il diabete è una condizione permanente che causa un aumento eccessivo del livello di zuccheri nel sangue. Negli ultimi anni, la prevalenza del diabete è aumentata praticamente in tutte le regioni del mondo, con un conseguente notevole peggioramento della qualità della vita che aggrava per di più i servizi sanitari e i costi della sanità. Le sostanze naturali principalmente riportate, approfondite e utilizzate, tra cui berberina, curcumina, flavanoni, resveratrolo, carotenoidi, polifenoli, flavonoli, flavoni, rappresentano la strada da percorrere per approfondire il loro utilizzo. È necessario, tuttavia, indirizzare la ricerca anche nella scoperta di piante nuove, di cui il pianeta è ricco e che ancora non sono state decentemente studiate a tal proposito.

Il cisto nel diabete

L’interesse per la scoperta di nuovi rimedi che possano rinforzare il trattamento del diabete aumenta di giorno in giorno. Sebbene siano stati menzionati gli effetti antidiabetici e antiossidanti di Cistus laurifolius L., gli effetti sistemici rimangono ancora sconosciuti. Un recentissimo studio con lo scopo di valutare gli effetti antidiabetici dell’estratto acquoso di cisto utilizza ratti con diabete indotto da streptozotocina. Quaranta ratti albini maschi sono stati divisi in cinque gruppi di otto animali ciascuno: gruppo di controllo, gruppo diabetico (55 mg/kg streptozotocina), gruppo con assunzione da parte dei ratti di streptozotocina + 125 mg/kg di cisto, gruppo con streptozotocina + 250 mg/kg di cisto e gruppo con streptozotocina + 100 mg/kg di metformina. Sono stati studiati in modo comparativo gli effetti del cisto e della metformina sulle vie ossidative, apoptotiche e infiammatorie. Inoltre, sono state effettuate analisi delle espressioni del fattore nucleare-κB (NFκB), del fattore di necrosi tumorale-alfa (TNF-alfa) e dell’interleuchina (IL)-1beta. Il trattamento con cisto ha determinato un miglioramento significativo dei livelli di glucosio nel sangue, del profilo lipidico, dei marker pancreatici e dei test di funzionalità epatica e renale. In un trattamento con 250 mg/kg di cisto la capacità ossidante totale, dei livelli di NFκB, TNF-alfa, IL-1beta, caspasi3 e citocromo c, rispetto al gruppo dei diabetici, è diminuito, rispettivamente, del 67,9%, 31,6%, 66,8%, 28,3% e 31,4%. Inoltre, i trattamenti hanno mostrato una riduzione dose-dipendente dei livelli di espressione di NFκB, TNF-alfa e IL-1beta. Un trattamento con 250 mg/kg di cisto ha mostrato invece un aumento maggiore (del 9,6%) della capacità antiossidante totale rispetto alla metformina. Il trattamento con Cistus laurifolius L. ha fornito un miglioramento istologico maggiore in cervello, cuore, pancreas, milza, fegato, reni e tessuti testicolari rispetto al gruppo con la metformina. I risultati di questo interessante studio suggeriscono che il trattamento dell’estratto acquoso a basse dosi può avere effetti antidiabetici a breve termine più forti rispetto alla metformina. Pertanto, sono doverosi ulteriori studi sull’effetto ipoglicemizzante a lungo termine o sul trattamento dell’estratto acquoso di cisto.

Fonti

Hacioglu C, Kar F, Kara Y, et al. «Comparative effects of metformin and Cistus laurifolius L. extract in streptozotocin-induced diabetic rat model: oxidative, inflammatory, apoptotic, and histopathological analyses” [published online ahead of print, 2021 Jun 7]. Environ Sci Pollut Res Int. 2021;10.1007/s11356-021-14780-y. Doi:10.1007/s11356-021-14780-y

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome