La sindrome della crocerossina

Intervista alla Dott.ssa Viviana Morelli – Psicoterapeuta ad approccio integrato – Ipnositerapeuta Eriksoniana

tagmedicina, crocerossina

 Daniela Cavallini:

Carissima Viviana, grazie per essere nuovamente con noi e per l’aiuto speciale che ci offri ogni volta, affrontando  qualsiasi problema con il cuore della Donna e la competenza della Professionista.

Dott.ssa Viviana Morelli:

Sono felice quando posso mettere a disposizione la mia professionalità per offrire un aiuto a chi ne ha bisogno, tuttavia, tu,  Daniela, sai bene quanto tengo ad essere innanzitutto considerata una Donna fra le Donne.

Daniela Cavallini:

Non posso che confermare e compiacermi con Te. Pur consapevoli che l’assunto di base è che l’Amore arricchisce e non è mai causa di sofferenza, esiste l’amore, quello che forse merita la “a” minuscola perché non è incondizionato, ma è comunque il sentimento che più comunemente viviamo, fonte di gioia e causa di dolore. Fra i picchi di gioia e dolore… 50 sfumature per ogni colore!! Oggi parliamo di donne che si annullano per rendere felice l’amato, ovvero coloro che soffrono della sindrome della crocerossina. Mio padre sosteneva sempre che “in ogni donna c’è una crocerossina”… E’ davvero così?

Dott.ssa Viviana Morelli:

Daniela… eri la degna figlia di un uomo saggio! Si, certamente le donne hanno un bagaglio antropologico e culturale che le spinge ad essere l’angelo del focolare, accudenti e materne. Anche se la contaminazione culturale di “sacrificio uguale amore”, gradualmente sfuma. Nella struttura del Dna femminile è impossibile negare la predisposizione, ma dobbiamo distinguere il sano “maternage” femminile verso il proprio amato dall’annullamento patologico della salvatrice-crocerossina.

Daniela Cavallini:

Che cosa induce una donna a porre il partner, talvolta solo un maschio grezzo, su di un piedistallo, giustificando ogni comportamento, anche il più meschino, con la tolleranza di una mamma?

Dott.ssa Viviana Morelli:

La crocerossina non può “svegliarsi dal sogno” vuole vedere ciò che le serve vedere, l’amore cieco si allea con una idea onnipotente del proprio amore. I propri vuoti interiori portano queste donne a perseverare nell’idea assurda di ottenere “sangue dalle rape”. Fortissimo è il bisogno di credere di essere amate, di essere necessarie. La pretesa di cambiare l’altro, che la porta a giustificarlo, è un vano tentativo di fuggire dalle proprie necessità e ferite.

Svegliarsi e vedere che la persona che hanno davanti è incapace di amare, come di amarsi per loro è devastante.

Le donne sono sempre molto più intelligenti e autonome, oggi troviamo crocerossine anche molto consapevoli, che teoricamente conoscono tutto di questa sindrome…..ma continuano a colludere.

Daniela Cavallini:

Se è vero che “l’altro” ci rispecchia, possiamo dire che, probabilmente a livello inconscio, questa tipologia  di donna, rispecchiandosi, si prodiga immensamente per lui, ma in realtà “lui” altro non è che “lo strumento” di identificazione attraverso il quale lei trae amore per se stessa?

Dott.ssa Viviana Morelli:

Bravissima Daniela! L’intento psichico è questo, ma in realtà non funziona, o almeno solo in parte…la crocerossina aiutando il partner ed altri ancora si illude di “non aver bisogno”, Il ruolo del Salvatore o della Crocerossina si struttura nelle prime relazioni affettive. Bambine che sono state escluse o hanno avuto genitori anaffettivi o abusanti.

Dovendo l’Io combattere il senso di abbandono e la mancanza di amore non può fare altro attraverso un meccanismo di negazione esclamare “io ci riesco da sola….non ho bisogno, posso dare agli altri”. Quindi è una sindrome che nasce come meccanismo di difesa, e che come hai detto tu, attraverso la proiezione sugli altri del proprio “bambino bisognoso” si tenta di esorcizzare la ferita personale aiutando altri “bambini bisognosi”.

La realtà è che la crocerossina si trova intrappolata in un sistema di vampiri energetici, quello che ha dato non ritorna mai uguale, e si allontana da se stessa invece di curarsi.

Daniela Cavallini:

Una donna “crocerossina”, trova sempre il modo di interpretare il suo ruolo, magari non sempre “salvando”, tuttavia offrendo dedizione illimitatamente?

Dott.ssa Viviana Morelli:

Si, ci sono varie sfumature, spesso queste donne sono così disponibili con tutti, o almeno con alcune categorie… rischiano di apparire come quelle che “non hanno bisogno di nulla” e invece hanno una voragine aperta nel cuore. Mantengono contatti e cordoni ombelicali con i propri ex, non riescono mai a lasciar andare. Non riescono a dire NO!

Daniela Cavallini:

Com’è possibile liberarsi da questa sindrome?

Dott.ssa Viviana Morelli:

Questa struttura caratteriale nasce all’inizio per lenire una sofferenza, per un tempo funzionale poi si realizza che “tutto questo amore non paga”, i sintomi della sindrome possono esseri vari, sintomi depressivi, ansia, panico, come capire che “una dipendenza attira altre dipendenze”, che gli uomini che questa donna incontra si sintonizzano sul ricevere e non sul dare. Magari sono portatori di varie problematiche.

Quindi la vecchia ferita di non amore rimane aperta, la consapevolezza è il primo passo per uscirne. Quando la donna capisce che si innamora in modo malato di chi la sfugge, ricreando quel gioco antico del genitore anaffettivo di cui è vittima, può iniziare a concentrarsi su di sé.

Prendere consapevolezza dei suoi bisogni, imparare a chiedere, a dire non ce la faccio….fare luce su un passato condizionante. Iniziare a scegliere persone diverse intorno a lei. Io dico che le crocerossine sono anche “donne forti”, che sono sopravvissute ad un “vuoto d’amore” trovando una via di uscita, ma comunque segnate, queste donne devono credere nella loro forza e nelle loro risorse e investirle su loro stesse.

Daniela Cavallini:

Tralasciamo il “maschio profittatore” e consideriamo l’Uomo. Un Uomo, che  per sua natura è orgoglioso di proteggere e provvedere alla sua donna, come vive un rapporto con una partner “crocerossina”? Intendo dire, non si sente limitato nella sua mascolinità?

Dott.ssa Viviana Morelli:

Se tralasciamo il maschio che si appoggia alla crocerossina-madre, siamo di fronte ad un uomo adulto che vuole fare il Maschio. Bene, ancora esistono! Quest’uomo è l’uomo ideale per lei, ma a volte si sentirà prevaricato e, se il sentimento lo guida, sarà in grado di prendere le redini del rapporto. Chi si riconosce un potere e un ruolo maschile non ha paura di essere limitato.

Un rapporto questo che alla crocerossina inizialmente non elettrizzerà, ma imparerà ad appoggiarsi e farsi guidare. Di questo in fondo ha bisogno.

Daniela Cavallini:

Come si pone la donna che soffre di sindrome della crocerossina da un punto di vista sessuale?

Dott.ssa Viviana Morelli:

Nella maggior parte dei casi è molto seduttiva, ma non è una caratteristica assoluta. Sicuramente si concede e non riesce a dire di no, la dipendenza affettiva  e la crocerossina vanno a braccetto molto spesso.

Daniela Cavallini:

Un Uomo ne è sessualmente attratto?

Dott.ssa Viviana Morelli:

Nei primi tempi sì, ma se la crocerossina inizia a tessere la rete del controllo e del progetto di cambiare il proprio uomo perde il suo potere seduttivo e la sua capacità di attrarre, l’uomo si sente braccato e non rispettato.

Se agli occhi delle persone esterne lei tende a giustificare e proteggere, con lui diviene più pressante e direttiva. Un calo del desiderio è assicurato. Chiaramente non è una regola generale.

Daniela Cavallini:

Viviana, come sempre sei stata esauriente e Ti ringrazio anche a nome di lettori e lettrici.

 

CONDIVIDI
Daniela Cavallini
E’ un’entusiasta! La caratterizza lo spiccato desiderio di comunicare. Nel suo percorso professionale ha ricoperto posizioni di responsabilità nel settore Education nell’ambito di Società Multinazionali, erogando corsi di Addestramento e Formazione – Aziendali ed Interaziendali - al Personale Commerciale. Successivamente, Daniela è migrata al mondo dell’imprenditoria. Con l’eclettismo che la contraddistingue, da alcuni anni è ritornata al suo primo amore: l’arte. È un’apprezzata astrattista che ama trasporre su tela le sue sensazioni. Contestualmente, da alcuni anni si è dedicata alla scrittura pubblicando e-book ad indirizzo formativo e curando per alcune testate giornalistiche rubriche inerenti psicologia, comunicazione, problematiche di coppia, salute e bellezza.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome