Cancro del seno, la dieta può alterare il microbioma mammario e modificare il rischio

tagmedicina,microbioma

Un nuovo studio pubblicato su Cancer Research mostra che la dieta, compresi gli integratori di olio di pesce, può alterare non solo il microbioma mammario, ma anche gli stessi tumori del seno. Per comprendere meglio la relazione tra microbioma, dieta e rischio di cancro, i ricercatori hanno utilizzato un approccio su più fronti studiando sia modelli animali che pazienti con cancro del seno. «L’obesità, tipicamente associata a un consumo di una dieta ricca di grassi, è un noto fattore di rischio nel cancro del seno in post-menopausa. Ma ci sono ancora molte cose che non sappiamo sul legame tra obesità e microbiomi e sull’impatto sul cancro del seno e sugli esiti nei pazienti» esordisce Katherine Cook, della Wake Forest School of Medicine, che ha diretto il gruppo di studio.

Nella prima parte dello studio, topi suscettibili al cancro del seno sono stati alimentati con una dieta ricca o povera di grassi. I topi che hanno consumato la dieta ricca di grassi hanno avuto più tumori, che si sviluppavano più rapidamente ed erano più grandi dei tumori presenti nel gruppo che riceveva la dieta a basso contenuto di grassi. Successivamente, per studiare il microbioma, i ricercatori hanno eseguito trapianti fecali. I topi che hanno assunto la dieta povera di grassi hanno ricevuto un trapianto di microbioma proveniente da topi con dieta ricca di grassi e viceversa. Ebbene, i topi che hanno consumato la dieta a basso contenuto di grassi, ma hanno ricevuto un trapianto di microbioma da topi alimentati con molti grassi, hanno avuto tanti tumori del seno quanti ne sono stati osservati nei topi che avevano consumato la dieta ricca di grassi. I ricercatori hanno anche condotto uno studio clinico in doppio cieco controllato con placebo in pazienti con cancro del seno. Le donne hanno ricevuto placebo o integratori di olio di pesce per due o quattro settimane prima della lumpectomia o della mastectomia. I risultati hanno mostrato che l’integrazione di olio di pesce ha modificato significativamente il microbioma mammario sia nel tessuto mammario non canceroso che in quello maligno. Per esempio, la somministrazione per quattro settimane di integratori di olio di pesce ha aumentato l’abbondanza proporzionale di Lactobacillus, un genere di batteri che ha dimostrato di ridurre la crescita del tumore del seno in modelli preclinici, nel normale tessuto mammario adiacente al tumore. «Questo studio fornisce ulteriori prove del fatto che la dieta svolge un ruolo fondamentale nel modellare i microbiomi dell’intestino e del seno» concludono gli autori.

Cancer Research 2021. Doi: 10.1158/0008-5472.CAN-20-2983
http://doi.org/10.1158/0008-5472.CAN-20-2983

 

 

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome