L’intelligenza artificiale nella diagnosi medica: opportunità e pericoli

Il paziente deve essere preventivamente informato che il suo esame è stato interpretato dall’Intelligenza Artificiale prima di sottoporre il paziente all’analisi

tagmedicina, intelligenza

 

Venerdì 26 febbraio alle 17.30, l’Accademia di Medicina di Torino organizza una seduta scientifica on line dal titolo “L’intelligenza artificiale nella diagnosi medica: opportunità e pericoli”. Introduce l’incontro Teresa Cammarota, vicepresidente dell’Accademia di Medicina e Primario emerito di radiologia. Il relatore sarà Daniele Regge, socio dell’Accademia e Professore Associato di Radiologia all’Università di Torino nonché Direttore della Radiodiagnostica, presso l’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Candiolo (TO). In ottemperanza alle disposizioni del DPCM relative alle misure di contenimento della pandemia, si potrà seguire l’incontro solo collegandosi al sito www.accademiadimedicina.unito.it.

Melania Sorbera ha intervistato il prof. Regge per il programma “Prima

Prof. Daniele Regge

pagina Salute” su Medical Excellence Tv. Quali sono le applicazioni dell’Intelligenza Artificiale nella diagnostica? Si utilizzano per l’interpretazione delle immagini radiologiche e, più recentemente, per la lettura dei vetrini di anatomia patologica. Per l’immagine radiologica, diverse applicazioni vengono utilizzate in campo clinico per il riconoscimento dei tumori. La radiografia del torace è un esame semplice ma richiede una notevole esperienza per essere interpretata correttamente. Può essere analizzata da un software che ci permette di identificare dove ci sono noduli polmonari in modo completamente automatico. Il medico dovrà interpretare un punto evidenziato nell’immagine con un colore diverso o con una freccia. Bisogna sempre fare un po’ di attenzione perché questi sistemi di Intelligenza Artificiale non sono perfetti, ci possono essere dei falsi positivi. «Il parere finale dev’essere sempre quello del radiologo».

Leggi tutto………

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome