La negatività psicologica mina la salute fisica e aumenta il rischio di infarto e ictus

«La nostra dichiarazione valuta il rapporto tra salute psicologica e salute del cuore, e presenta vari modi per aiutare a migliorare la salute psicologica nelle persone con malattie cardiache o a rischio di svilupparle»

tagmedicina,salute

Secondo una dichiarazione scientifica dell’American Heart Association pubblicata su Circulation, la salute psicologica può avere un impatto positivo o negativo sulla salute fisica di una persona e sui fattori di rischio per malattie cardiache e ictus. «La nostra dichiarazione valuta il rapporto tra salute psicologica e salute del cuore, e presenta vari modi per aiutare a migliorare la salute psicologica nelle persone con malattie cardiache o a rischio di svilupparle» afferma Glenn Levine, del Baylor College of Medicine, e del Michael E. DeBakey VA Medical Center, di Houston, primo nome del documento.

Stati negativi di salute psicologica sono associati a risposte biologiche potenzialmente dannose, come irregolarità della frequenza e del ritmo cardiaci, aumento dei disturbi digestivi e della pressione sanguigna, infiammazione, e ridotto afflusso di sangue al cuore. Una salute psicologica negativa è anche correlata a comportamenti legati a un rischio aumentato di malattie cardiache e ictus, come fumo, livelli inferiori di attività fisica, dieta malsana, sovrappeso e mancata assunzione di farmaci. I ricercatori ricordano poi che sia l’effetto cumulativo dei fattori di stress quotidiani sia l’esposizione a eventi traumatici possono aumentare il rischio di malattie cardiache e ictus, tanto che un aumento dello stress generale e dello stress correlato al lavoro è stato associato a una crescita del rischio di sviluppare o morire per malattie cardiache fino al 40%. A conferma della situazione, varie ricerche hanno rilevato che una salute psicologica positiva sia associata a un minor rischio di malattie cardiovascolari e morte. Le persone con una salute psicologica positiva hanno avuto maggiori probabilità di avere pressione sanguigna e colesterolo bassi, migliore controllo del glucosio, meno infiammazione, e di tenere comportamenti benefici come smettere di fumare, aumentare l’attività fisica, mangiare sano, seguire le prescrizioni di farmaci e fare regolari controlli sanitari. Il documento riferisce inoltre che anche i fattori sociali possono influenzare la salute cardiovascolare.
Gli esperti suggeriscono uno screening regolare della salute mentale per le persone con o a rischio di malattie cardiovascolari, perché identificando gli individui con problemi è possibile intervenire con terapia psicologica e programmi, come la terapia cognitivo comportamentale, la psicoterapia, approcci alla gestione dell’assistenza collaborativa, la terapia per la riduzione dello stress e la meditazione.

Circulation 2021. Doi: 10.1161/CIR.0000000000000947
https://doi.org/10.1161/CIR.0000000000000947

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui