Cancro della prostata, consumare più caffè potrebbe ridurre i rischi

«Ogni tazza giornaliera aggiuntiva è stata associata a una riduzione del rischio relativo di quasi l'1%»

tagmedicina,caffè

Bere più tazze di caffè ogni giorno sarebbe collegato a un rischio minore di sviluppare il cancro della prostata, secondo uno studio pubblicato su Bmj Open. «Ogni tazza giornaliera aggiuntiva è stata associata a una riduzione del rischio relativo di quasi l’1%» spiega Xiaonan Chen, dello Shengjing Hospital of China Medical University, Shenyang, primo nome dello studio.

Il consumo di caffè era stato collegato a un rischio relativo inferiore di cancro al fegato, all’intestino e al seno, ma non si avevano prove conclusive del suo ruolo nel cancro della prostata. Per meglio chiarire la situazione, i ricercatori hanno valutato la letteratura esistente, in particolare 16 studi condotti in Nord America, Europa e Giappone, per un totale di più di un milione di uomini, di cui 57.732 hanno sviluppato un cancro della prostata. Il livello di consumo più elevato di caffè negli studi variava da due a nove o più tazze al giorno; il livello più basso da nessuna a meno di due tazze al giorno. Rispetto alla categoria più bassa di consumo di caffè, la categoria più alta è stata associata a una riduzione del rischio di cancro della prostata del 9%. Ma non solo; infatti, ogni tazza giornaliera aggiuntiva è stata associata a una riduzione del rischio dell’1%. Stratificando ulteriormente l’analisi per il cancro della prostata localizzato e avanzato, è emerso che, rispetto all’assunzione più bassa, l’assunzione più alta era associata a un rischio inferiore del 7% di cancro della prostata localizzato e del 12-16% di cancro della prostata avanzato e fatale.

I ricercatori sottolineano che i fattori non misurati o non controllati negli studi originali potrebbero aver distorto la stima aggregata del rischio, che la quantità di caffè bevuto potrebbe essere stata classificata erroneamente in quanto riferita dai pazienti, e che il tipo di caffè e i metodi di preparazione variavano tra gli studi. Tuttavia, ritengono che ci siano spiegazioni biologiche plausibili per i loro risultati. Il caffè, infatti, migliora il metabolismo del glucosio, ha effetti antinfiammatori e antiossidanti, e influenza i livelli degli ormoni sessuali, tutti fattori che possono avere effetto sull’inizio, lo sviluppo e la progressione del cancro della prostata. «Se l’associazione sarà ulteriormente dimostrata come di causa-effetto, gli uomini potrebbero essere incoraggiati ad aumentare il consumo di caffè per ridurre il rischio di cancro della prostata» concludono gli autori.

BMJ Open 2021. Doi: 10.1136/bmjopen-2020-038902
http://doi.org/10.1136/bmjopen-2020-038902

 

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome