Aumentare il testosterone senza assumerlo : SERMS in alternativa alla TRT?

tagmedicina,testosterone

L’ipogonadismo funzionale aumenta in prevalenza a causa dell’invecchiamento così come un aumento generale dell’obesità.

Gli inibitori dell’aromatasi (AI) e i modulatori selettivi del recettore degli estrogeni (SERM) potrebbero essere un’alternativa alla terapia sostitutiva del testosterone (TRT), ma non sono ancora stati stabiliti come pratica clinica comune.

Alcuni autori hanno condotto una ricerca approfondita della letteratura pubblicata tra il 2009 e il 2018.

Hanno valutato l’impatto inibitori dell’aromatasi e SERM sugli steroidi gonadici, sulla funzione sessuale e sui parametri dello sperma, sulla composizione corporea e sull’omeostasi del glucosio, sulla funzione fisica, sulla densità minerale ossea (BMD), sull’anemia, nonché sui potenziali effetti avversi.

Sono stati inclusi dodici RCT, con un numero totale di 645 pazienti.

Un totale di 145 uomini sono stati inclusi negli studi  che confrontavano IA contro placebo o TRT e 476 uomini in RCT con SERM rispetto a placebo o TRT.

 Un lavoro ha confrontato IA contro SERM in 24 uomini. I criteri di inclusione erano eterogenici.

 La maggior parte degli studi ha incluso solo un piccolo numero di pazienti (range 11-256) e il tempo di follow-up è stato relativamente breve (da 6 settimane a 12 mesi).

 AI e SERM hanno aumentato i livelli sierici di testosterone. Nel complesso, non c’è stato alcun effetto sui sintomi sessuali né sui parametri dello sperma.

 A seguito dell’inibizione dell’aromatasi, in alcuni studi è stato osservato solo un miglioramento minimo della composizione corporea e della funzione fisica.

 I SERM hanno indotto solo un piccolo miglioramento nella composizione corporea. L’effetto dei SERM sulla funzione fisica e sulla BMD non è stato valutato. Non si sono verificati effetti avversi maggiori.

Gli inibitori della aromatasi  non sono raccomandati come trattamento per l’ipogonadismo funzionale a causa di un’efficacia insufficiente e di una diminuzione della BMD. I SERM potrebbero essere un’alternativa alla TRT, ma sono necessarie ulteriori ricerche per valutare il loro effetto su segni e sintomi ipogonadici, nonché sul loro profilo di sicurezza a lungo termine.

CONDIVIDI
Dott. Andrea Militello, Urologo/Andrologo
Laurea in “Medicina e Chirurgia" conseguita nel luglio 1991 con votazione di 110/110 e lode presso l’Universita’ degli Studi di Roma “La Sapienza”, discutendo la tesi sperimentale: ”Chemioterapia endocavitaria con epidoxorubicina e interferone per via sistemica nella profilassi dei tumori superficiali della vescica”. Nel novembre 1996 ha conseguito la specializzazione in Urologia con votazione di 70/70 e lode presso il Dipartimento di Urologia “U. Bracci” del Policlinico “Umberto I” di Roma discutendo la tesi sperimentale: ”L’ecografia trans rettale, il PSA ed il PSAD. Tre metodiche a confronto nella diagnostica del carcinoma della prostata”. Nel 2014 conseguimento di Master di II livello in Andrologia ,implantologia e chirurgia protesica. Nel 2016 conseguimento Master di secondo livello in Seminologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Dal 2018 revisore delle riviste scientifiche Central European Journal of Urology , Hormone and Metabolic Research Journal. Dal 2018 libero docente presso l’Università Federiciana di Cosenza. Nel 2014 vincitore del Doctoralia Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia , nel 2018 Vincitore del Mio Dottore Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome