Vaccini Covid e reazioni anafilattiche: il punto dei Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie

Il tasso di reazioni anafilattiche quindi è di 11,1 casi di per un milione di dosi somministrate, ben più alto dell'1,3 casi per milione che si ha con il vaccino antinfluenzale, ma che comunque "rimane un'evenienza rara"

tagmedicina,anafilattiche

Sono 21 finora i casi complessivi di reazioni anafilattiche ai vaccini anti-Covid di Pfizer e Moderna, su un totale di 1,9 milioni di dosi somministrate negli Usa nella prima settimana e mezza di campagna vaccinale. Delle 21 persone, 17 avevano una storia di allergie o reazioni allergiche a farmaci, cibi o punture di insetto. Lo hanno comunicato i Center for diseases control “Cdc”, (Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie), in una conferenza stampa nei giorni scorsi.

Il tasso di reazioni anafilattiche quindi è di 11,1 casi di per un milione di dosi somministrate, ben più alto dell’1,3 casi per milione che si ha con il vaccino antinfluenzale, ma che comunque “rimane un’evenienza rara”, ha sottolineato Nancy Messonnier, direttrice del Centro nazionale per l’immunizzazione e malattie respiratorie dei Cdc. L’età media delle persone che hanno avuto queste reazioni è stata di 40 anni e i sintomi sono comparsi nel giro di 13-15 minuti. Sulla base di questi dati i Cdc stanno modificando le loro indicazioni, precisando che chi ha una reazione immediata o allergica alla prima dose di vaccino, non deve fare la seconda. Chi inoltre sa già di essere allergico ai componenti del vaccino, come glicole di polietilene e polisorbato, o altri simili, non deve vaccinarsi ora. Per chi ha una storia di reazioni allergiche a vaccini iniettabili o di anafilassi per qualsiasi causa, si consiglia di monitorarlo per 30 minuti dopo il vaccino.
Allo stato attuale i benefici, noti e potenziali, dei vaccini, superano comunque i rischi di potersi prendere il Covid. Cdc e Fda stanno analizzando tutte le segnalazioni di reazioni avverse per determinare se possono essere associate alla vaccinazione – conclude Messonnier -. In molti casi, infatti, possono essere una coincidenza. I vaccini anti-Covid, lo ribadiamo, sono sicuri”. Le raccomandazioni dei Cdc valgono per i vaccini di Pfizer e Moderna, entrambi a mRna.

(Fonte Doctor 33)

 

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome