I crampi muscolari sono un disturbo molto comune: cause e i rimedi

Sono spesso associati all'attività sportiva per affaticamento muscolare o per perdita di sali minerali.

tagmedicina,crampi

I crampi muscolari sono un disturbo molto comune. Si tratta di uno spasmo, una contrazione improvvisa e involontaria del muscolo (o di più muscoli). Sono spesso associati all’attività sportiva per affaticamento muscolare o per perdita di sali minerali. Dunque, in soggetti predisposti a perdere liquidi attraverso una consistente sudorazione. Ma possono colpire tutti, ad ogni età.
Si manifestano dopo posizioni prolungate di giorno (non sempre corrette). Per esempio, davanti al computer, o di notte nel sonno quando il muscolo si intorpidisce per l’immobilità. La loro intensità varia da una sensazione di fastidio in una precisa zona muscolare a dolori molto acuti. Possono essere spasmi rapidi o durare fino a diversi minuti. Colpiscono in genere il polpaccio, la coscia e il piede. Rendono temporaneamente impossibile l’uso del muscolo.

Crampi: le cause

La causa principale – per questo il crampo è molto comune tra gli sportivi – è la disidratazione  per sudorazione che provoca una perdita di liquidi e di sali minerali. Soprattutto potassio, magnesio e sodio che servono ai muscoli per articolare le loro funzioni. Per questo d’estate, quando si suda molto per le alte temperature – e magari si fa sport – è consigliabile bere molto. In particolare, acque ricche di sodio che contengono potassio.

La disidratazione tuttavia può essere anche la diretta conseguenza di disturbi come diarrea  e vomito. Gli anziani sono più esposti a queste contrazioni improvvise perché, invecchiando, i tendini riducono la loro lunghezza, provocando spasmi dolorosi alle gambe. Quando i crampi sono molto frequenti e acuti – a tutte le età – può essere utile una visita medica.

Le cause più frequenti dei crampi possono essere così riassunte:

· Sforzo eccessivo

· Disidratazione 

· Carenza di sali minerali

· Mantenimento prolungato di una posizione

· Effetti collaterali di farmaci (diuretici)

· Alcune patologie (ipotiroidismo , vene varicose , insufficienza renale).

Crampi: cosa fare

Se il crampo non è associato ad una patologia, ci sono accorgimenti da mettere in atto che permettono di combatterli o comunque di ridurne la frequenza. Sicuramente, come abbiamo già visto:

bere molto anche se non si ha il desiderio di farlo seguire un’alimentazione equilibrata, ricca di frutta e verdura che apportano al corpo i sali minerali necessari
dedicare tempo allo 
stretching  per ammorbidire e allungare la muscolatura interessata dal crampo

In caso di sportivi, oltre ad una costante idratazione, si consiglia di:

· non mangiare prima dell’allenamento

· non saltare il riscaldamento e lo streching muscolare (pre/post attività)

· non superare i propri limiti fisici, rischiando l’affaticamento muscolare

Quando il crampo si manifesta, allungare il muscolo, massaggiare la parte coinvolta e fare stretching di allungamento.

 


BIBLIOGRAFIA

·        Katzberg HD, Khan AH, So YT. Assessment: symptomatic treatment for muscle cramps (an evidence-based review): Report of the Therapeutics and Technology Assessment Subcommittee of the American Academy of Neurology. Neurology 2010.

·        Brown TM. Sleep-related leg cramps. Sleep Med Clin 2015.

·        Miller TM, Layzer RB. Muscle cramps. Muscle Nerve 2005; 32: 431-42.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome