Sali minerali per la salute dell’organismo: quali sono e dove si trovano

tagmedicina,minerali

I sali minerali sono sostanze inorganiche che permettono al corpo di funzionare bene. Lo mantengono in salute. Alcuni contribuiscono all’attività regolare degli organi e degli enzimi, altri ne sono parte costitutiva, come nel caso della mineralizzazione delle ossa (il 99% del calcio presente nell’organismo è concentrato qui) e dei denti. Per questo è importante che la quantità presente nel corpo sia sempre in equilibrio, senza registrare sofferenze, per eccesso o per carenza. Come raggiungere questo obiettivo? Attraverso l’alimentazione e l’acqua: i cibi infatti contengono tutti i sali minerali di cui abbiamo bisogno. A patto che i nostri pasti siano vari e attingano a tutti gli alimenti. Solo quando vengono accertate carenze non risolvibili con una dieta personalizzata (in particolari fasi della vita, come per esempio in gravidanza, per il calcio, il ferro e lo iodio) vengono prescritti integratori specifici, che devono essere consigliati sempre dallo specialista: anche un eccesso di sali minerali può infatti provocare conseguenze pesanti. Perché tutti i sali minerali si trasformano in tossici quando la loro quantità è troppo elevata.

Sali minerali: macroelementi e microelementi

I sali minerali rappresentano circa il 6% circa del peso corporeo e vengono raggruppati all’interno di due gruppi che ne individuano anche la loro funzione e il loro fabbisogno giornaliero: macroelementi (grammi o decimi di grammo) e microelementi o oligoelementi (milligrammi o microgrammi). Il fabbisogno giornaliero è molto limitato. Per questo devono essere reintegrati continuamente per poi essere eliminati attraverso urina, feci e sudore. Alla prima categoria dei macroelementi appartengono:

·        Calcio

·        Fosforo

·        Sodio

·        Zolfo

·        Magnesio

·        Cloro

·        Potassio

Sono invece chiamati microelementi o oligoelementi:

·        Ferro (essenziale)

·        Rame (essenziale)

·        Zinco (essenziale)

·        Iodio (essenziale)

·        Selenio (essenziale)

·        Cromo (essenziale)

·        Cobalto (essenziale)

·        Fluoro (essenziale)

·        Silicio (probabilmente essenziale)

·        Manganese (probabilmente essenziale)

·        Nichel (probabilmente essenziale)

·        Vanadio (probabilmente essenziale)

·        Arsenico (potenzialmente tossico)

·        Cadmio (potenzialmente tossico)

·        Piombo (potenzialmente tossico)

·        Mercurio (potenzialmente tossico)

·        Alluminio (potenzialmente tossico)

·        Litio (potenzialmente tossico)

·        Stronzio (potenzialmente tossico)

Sali minerali negli alimenti

I sali minerali vengono assunti ogni giorno attraverso l’alimentazione. Vi proponiamo una sintetica guida agli alimenti che contengono i principali sali minerali.

·        Calcio – Latte e derivati, verdure a foglie scure, pesce azzurro, legumi

·        Fosforo – Pesce, carne, uova, latte, cereali, fegato, legumi e verdure

·        Potassio – Verdure, carne, cereali, frutta, carote, pomodori, patate, legumi

·        Zolfo – Latte e derivati, pesce, carne, cereali, legumi, cavolini di Bruxelles,               cipolle, aglio, tuorlo dell’uovo

·        Sodio – Sale, formaggi, insaccati, carne, pesce

·        Cloro – Sale, lattuga, olive, pomodori, sedano

·        Manganese – Vegetali verdi, carne, mandorle, nocciole, cereali, frutti                       tropicali  e di bosco

·        Iodio – Pesce, latticini, cereali

·        Magnesio – Legumi, cereali integrali, banane, noci, mandorle

·        Ferro – Fegato, pesce, cereali, uova, verdure, legumi

·        Rame – Cereali integrali, fegato, molluschi, frutta secca, semi

·        Zinco – Fegato, uova, latticini, cereali, pesce

Bibliografia

 

M.A. Zoroddu, J. Aashet, G. Crisponi, S. Medici, M. Peana e V.M. Nurchi,The essential metals for humans: a brief overview, inJournal of Inorganic Biochemistry, vol.195, giugno 2019, pp.120-129,

 

Lyons G.H., Stangoulis J.C.R., Graham R.D. (2003). High-selenium wheat: biofortification for better health. Nutr Res Rev.

 

Zhao F.J., Su Y.H., Dunham S.J., Rakszeg M. I., Bedo Z., McGrath S.P., Shewry P.R. (2009). Variation in mineral micronutrient concentrations in grain of wheat lines of diverse origin. J. Cereal Sci.

 

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome