Merendine e snack: il dubbio amletico delle mamme

Cosa dare ai nostri bambini nei due spuntini della giornata è il dubbio che tutte le mamme si pongono

tagmedicina, bambino

Merendine e snack sono una pratica soluzione per lo spuntino di metà mattinata e la merenda pomeridiana.I maggiori consumatori sono i bambini: è sufficiente infilare una mano in  cartella, scartare la confezione e la merenda è pronta. L’offerta disponibile sul mercato è ampia, tra i prodotti confezionati troviamo la classica brioche farcita con lunghi tempi di conservazione fino ai preparati più elaborati. Ecco una prima suddivisione tra le varietà presenti sugli scaffali.

Le merendine sono in genere composte da pasta frolla, pasta lievitata o pan di spagna farcite con creme e marmellata.

Tagmedicina, merendine

Gli snack sono barrette solide o semi solide ripiene di un impasto morbido a base di zuccheri e grassi. Sono alimenti ad alto valore calorico e spesso squilibrati per l’alta percentuale di grassi.

Merendine refrigerate a metà tra merendine e snack sono, in genere, ripiene di latte. Contengono troppi ingredienti, additivi, come emulsionanti, agenti lievitanti e aromi per consolidarle un prodotto genuino e naturale.

Quindi da preferire un pacchetto di crackers, yogurt o frutta, al massimo un pezzetto di parmigiano, ed ancora la classica fetta di pane con olio extravergine di oliva e pomodoro. Insomma uno spuntino sano e nel rispetto di una sana educazione alimentare. Essere un adulto sano s’impara sin da piccoli.

CONDIVIDI
Dott.ssa Silvana Di Martino
Nata a Napoli il 6 Luglio del 1970 ed ha conseguito la Laurea in Scienze Biologiche, presso l’Università Federico II di Napoli. Dottore di ricerca in Patologia Clinica, presso Policlinico Università Federico II di Napoli, inizia il suo percorso nel 1997, presso Cirio ricerche ”Produzione di latte delattosato per soggetti intolleranti al lattosio” per il CNR di Napoli. Dal 2003 presso l’Istituto Tumori Pascale di Napoli, sotto la direzione del Prof.re Paolo Ascierto, Valutazione post terapia della immunosoppressione tumorale in pazienti affetti da neoplasia in fase avanzata” Istituto Nazionale per lo studio e la cura dei tumori “Fondazione Giovanni Pascale” In collaborazione con il CROM e CNR di Avellino, continua il suo percorso di ricerca sul melanoma e indagini epidemiologiche sulla nutrizione” Progetto sull’educazione alimentare nelle scuole medie di Sperone (AV) per il CROM di Avellino” con oltre 30 pubblicazioni a suo nome Nazionali ed Internazionali, di cui alcune a suo primo nome. Dal 2006 sceglie la professione libera nel settore della nutrizione presso il suo centro Nutrizione&Benessere, sito a Casoria in via Leonardo Da Vinci 32, dove da direttore di estetica esercita un completamento estetico a quello nutrizionale e di ricerca, inoltre collabora con vari professionisti, seguendo percorsi nutrizionali che vanno dall’infanzia all’età senile, alla medicina estetica. Dal 2011-2013 con il Mo.D.A.V.I Onlus progetto scuole –Stile di vita e giusta alimentazione nelle scuole medie superiori della campania. Si avvale inoltre dell’analisi di Stress ossidativo, che viene eseguita presso la Federico II di Napoli, per poter elaborare diete antiossidanti. Oltre ad avere il suo centro a Casoria, la dottoressa esercita la sua professione, presso vari studi medici sparsi in tutta Italia, dalla Regione Calabria, alla Toscana al Veneto Dal 2015 diventa pubblicista per varie testate giornalistiche online, fino a conseguire nel 2020, il titolo di giornalista.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

1 COMMENTO

  1. L’alimentazione nel bambino è un argomento delicatissimo ed altrettanto importante.
    Se un bambino impara a mangiare correttamente sin da piccolo ridurrà da adulto i rischi legati ad una cattiva alimentazione.
    Tutti i prodotti da forno acquistabili nei negozi come merendine, snack o anche bibite gassate sono da “maneggiare con cura” perché nella maggior parte molto squilibrati nutrizionalmente.
    Sono ricchi di grassi saturi, di zuccheri raffinati e quindi hanno un elevato indice glicemico che non è un grande amico della nostra salute.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome