Il pensionamento come evento del ciclo di vita (Parte II)

Vi ho lasciato nel precedente articolo accennando al fatto che vi siano dei fattori che possono facilitare l’ingresso alla pensione per quelle persone che potrebbero trovarsi in difficoltà a lasciare andare il posto di lavoro.

Tagmedicina, pensionamento

Innanzitutto il primo consiglio è di fare una bella festa di pensionamento. Non è importante che organizziate un evento mastodontico, basta farla. La festa rappresenterebbe un rituale di passaggio da un prima (lavoratore con status di lavoratore) al dopo ( pensionato con status di pensionato). I rituali nella storia dell’umanità sono sempre esistiti e molti di essi svolgono proprio la funzione di portale(passaggio) tra uno status ad un altro. Essi fanno parte del nostro patrimonio culturale. Se provate a riflettere anche nella nostra cultura ne troverete tantissimi. Per esempio in ambito ecclesiastico troviamo i rituali del battesimo (nascita) del matrimonio (passaggio da singolo a coppia), rituale di investitura di un sacerdote (passaggio da persona civile a uomo di chiesa) e tanti alti. Potrei fare moltissimi altri esempi ma lascio a voi il compito di ricercarli. La festa di pensionamento potrebbe essere anche un valido momento per salutare tutti i colleghi che vi hanno accompagnato nel vostro percorso lavorativo. Una volta effettuato tale passaggio sarebbe bene occuparsi del tempo a disposizione. Magari potrebbe essere utile iniziare a sperimentare nuovi interessi personali. Prendete il pensionamento come l’occasione per fare tutte quelle cose che non avete mai potuto fare prima per mancanza di tempo e sbizzarritevi con la fantasia. Per chi invece è meno creativo ed ama i più la praticità potrebbe pensare di informarsi sulle associazioni del territorio a cui donare un pò del proprio tempo attraverso il volontariato.  Per chi invece cerca un nuovo modo per fare conoscenza ma ha difficoltà nelle relazioni sociali la scelta più indicata potrebbe essere la richiesta di un orto al comune di residenza o l’adozione di un animale domestico come un cagnolino (il consiglio però è di prendere il nostro amico di zampa in un canile così che gli operatori sappiano guidare la scelta in base alle vostre esigenze. Un cucciolo potrebbe richiedere troppe energie per via della sua giovane età). Inoltre un animale domestico potrebbe alleviare il senso di solitudine che alcune persone potrebbero percepire. Il mio consiglio è di guardare al pensionamento come ad una nuova possibilità. Se in cuor vostro invece l’andare in pensione vi ha provocato tristezza e desolazione, o vi ha avvicinato al gioco d’azzardo compulsivo non abbiate vergogna a rivolgervi ad uno psicologo, verrete aiutati.

CONDIVIDI
Dott.ssa Licia Negrini
La Dott.ssa Licia Negrini è una Psicologa che si è laureata presso l’Università di Bologna in Psicologia Clinica. Sta continuato la sua formazione nell’ambito della Psicoterapia Familiare. Ha approfondito il tema del lutto e delle patologie ad esso correlato. Svolge attività di libero professionista presso il proprio studio a Cesena e collabora con alcune cooperative nell’ambito delle demenze anche attraverso corsi della memoria nel territorio e di supporto alle famiglie con anziani istituzionalizzati e non. Organizza percorsi di coppia, gruppo o individuali sulla genitorialità, sulla gestione dei conflitti o separazioni, sulle dinamiche familiari disfunzionali. Lavora attraverso interventi individuali, di coppia o familiari nei vari ambiti del disagio psicologico per promuovere benessere e aumento della qualità della vita anche attraverso l’esplorazione delle proprie risorse individuali,ambientali e sociali e l’individuazione di strategie più efficaci.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome