Il pensionamento come evento del ciclo di vita (Parte I)

L’andare in pensione è un evento che comporta un cambiamento.

tagmedicina, pensionamento

Se da un lato si può provare gioia per il nuovo periodo di riposo conquistato dall’altro si potrebbe provare ansia per la routine che cambia. Il lavoro occupa una porzione importante delle giornate di tutti ed il resto delle attività ruota attorno agli orari del lavoro. Trovarsi tutto ad un tratto senza nessun obbligo ne compito, con uno status differente potrebbe destabilizzare. Come ogni cambiamento del ciclo di vita potrebbe richiedere del tempo di adattamento e creazione di una nuova routine. Potrebbe anche incidere quanto la persona si identifica nel ruolo che ha svolto. Questo potrebbe non facilitare l’abbandono di tale status che deriva dal ruolo ed il rifiuto di abbandonare il posto di lavoro. Proviamo a pensare ad un imprenditore, magari ha fondato l’azienda e ci ha lavorato quarant’anni ed è riuscito anche ad ampliarla. Abbandonare il suo ruolo di dirigente potrebbe non essere facile. La persona potrebbe non aver fatto altro in tutti questi anni e trovandosi tutto d’un tratto a non doversene più occupare potrebbe essere molto destabilizzante. Anche il trovarsi ad avere uno status diverso (magari da dirigente a semplice pensionato) potrebbe comportare qualche difficoltà all’inizio. I dati ci mostrano che sono tantissimi gli anziani che cominciano a giocare d’azzardo una volta andati in pensione per riempire il vuoto del non sapere che cosa fare. Le conseguenze di questi comportamenti possono essere gravi. Si può arrivare a sviluppare una vera e propria dipendenza e perdere un patrimonio in macchinette e gratta e vinci. Altri invece potrebbero decidere di mantenere rapporti con il posto di lavoro lasciato o trovarsi un nuovo impegno part-time per riempire il vuoto delle ore della giornata. Altri ancora potrebbero sviluppare una depressione che a lungo andare, se non trattata da uno specialista, potrebbe minare la salute della persona influenzando la quotidianità e le relazioni della persona. Ma che cosa può aiutare una buona fuoriuscita dal mercato del lavoro e una sana acquisizione del nuovo status di pensionato? Ci sono dei fattori protettivi che facilitano l’ingresso nel nuovo status di pensionato ? Lo vedremo nel prossimo articolo.

CONDIVIDI
Dott.ssa Licia Negrini
La Dott.ssa Licia Negrini è una Psicologa che si è laureata presso l’Università di Bologna in Psicologia Clinica. Sta continuato la sua formazione nell’ambito della Psicoterapia Familiare. Ha approfondito il tema del lutto e delle patologie ad esso correlato. Svolge attività di libero professionista presso il proprio studio a Cesena e collabora con alcune cooperative nell’ambito delle demenze anche attraverso corsi della memoria nel territorio e di supporto alle famiglie con anziani istituzionalizzati e non. Organizza percorsi di coppia, gruppo o individuali sulla genitorialità, sulla gestione dei conflitti o separazioni, sulle dinamiche familiari disfunzionali. Lavora attraverso interventi individuali, di coppia o familiari nei vari ambiti del disagio psicologico per promuovere benessere e aumento della qualità della vita anche attraverso l’esplorazione delle proprie risorse individuali,ambientali e sociali e l’individuazione di strategie più efficaci.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome