Lezione del Dott.Trono ai pazienti su come reagire all’installazione della protesi all’anca

Incontro all'Hotel Savoia alla presenza di un pubblico numeroso ed attento

Se avete un’anca da rimettere a posto c’è un professionista che fa al caso vostro. E’ il dottor Marco Trono che sabato mattina ha convocato un centinaio di suoi pazienti all’Hotel Savoia di Rimini per spiegare nel dettaglio le dinamiche d’intervento, la preparazione ad esso e la convalescenza.

Un’ottima occasione per conoscere una patologia, appunto quella dell’anca, che crea molto fastidio soprattutto alle persone più anziane. Ed è sui tempi che il dott. Trono ha battuto incessantemente: “Determinante per la ripresa del paziente è arrivare in sala operatoria alle prime avvisaglie del problema – ha detto alla platea dei presenti – senza far passare anni perché dalle tempistiche dipendono anche i buoni esiti dell’operazione chirurgica”.

Se tutto va come dovrebbe andare in una settimana si torna a casa: una previsione di massima che poi può variare da paziente a paziente. Trono con in mano il calco del femore, mostrato più volte al pubblico, ha rassicurato ma al tempo stesso ha illustrato in termini comprensibili a tutti l’intervento di installazione di protesi.

Aiutandosi con un maxischermo ha proiettato immagini, video e fasi dell’intervento specificando anche che possono verificarsi complicazioni post intervento ma con percentali molto basse addirittura al di sotto dell’uno per cento.

CONDIVIDI
Vittorio Pietracci
56 anni, marchigiano di Fermo vive in Romagna dal settembre del 2000. Giornalista professionista dal 1991, ha lavorato in quotidiani di diverse regioni (Marche, Umbria, Toscana, Lazio ed Emilia Romagna) fino alla qualifica di caporedattore centrale. Tra le sue esperienze anche l'assunzione, quale esperto per l'informazione, presso l'ufficio di Gabinetto del presidente del Consiglio regionale delle Marche dott. Alighiero Nuciari nei primi anni 90 e quelle radiofoniche presso alcune emittenti private sempre delle Marche.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome