Allarme fibromialgia, colpita anche Lady Gaga

A soffrirne maggiormente le donne con dolori cronici in tutto il corpo

Che cos’ha Lady Gaga? Cosa ha bloccato Miss Germanotta facendole interrompere il tour mondiale? Si chiama fibromialgia ed è una malattia che esiste, ufficialmente, solo dal 2010 quando è stata inserita nell’International Classification of Diseases dell’Organizzazione mondiale della Sanità. Per molto tempo si sono avuti dubbi sulla sua esistenza al punto da essere definita la ‘malattia fantasma‘ da alcune associazioni di pazienti.

A soffrire di fibromialgia sono maggiormente le donne (l’80-90%). Chi ne è affetto ha dolori cronici generalizzati in tutto il corpo e una stanchezza debilitante, tale da rendere impossibile condurre una vita normale.

A volte capita – in base a quanto raccontano coloro che ne soffrono – che anche un abbraccio, una stretta di mano, un piccolo urto bastano a provocare sofferenze acute. Una forte stanchezza e una costellazione di altri disturbi apparentemente non collegati tra di loro, dall’insonnia a problemi intestinali, fino a difficoltà di concentrazione, sono altri dei sintomi che riguardano la malattia. Se in passato alle pazienti con questo disturbo veniva spesso diagnosticata la depressione, oggi si ritiene invece che possa invece essere la conseguenza delle sofferenze fisiche e del non veder riconosciuto e diagnosticato per lungo tempo il proprio disturbo.

In passato si è dubitato che la fibromialgia esistesse davvero e non è raro che i disturbi da cui è caratterizzata siano spesso ritenuti di tipo psicologico. Capita che non venga riconosciuta, che sia scambiata per altre condizioni con sintomi simili. Anche i medici, e perfino gli specialisti la conoscono poco.

La fibromialgia non risparmia nemmeno le popstar: la malattia ha colpito anche Lady Gaga che a causa dei disturbi ha dovuto rimandare alcune date europee del suo tour di quest’anno. Nel caso della cantante la fibromialgia si sarebbe presentata dopo la frattura a un’anca.

Una delle difficoltà nel riconoscerla è che non esistono test clinici per diagnosticarla, dato che non sono state individuate alterazioni riscontrabili con esami strumentali o di laboratorio. La diagnosi si basa esclusivamente sui sintomi, sullo studio della localizzazione dei dolori (fino a non molto tempo fa si usava come criterio la presenza di dolori in punti specifici), e sull’esclusione di malattie che presentano alcune analogie, come la polimialgia reumatica, per esempio, in cui però risultano alterati gli indici dell’infiammazione, l’artrite reumatoide o l’ipotiroidismo.

Non si sa perché insorga la fibromialgia. Si ritiene che ci sia una componente genetica, perché spesso ricorre in una stessa famiglia. Ad accomunare chi ne soffre spesso c’è anche un trauma fisico, un incidente, oppure un’infezione.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome