Pet Therapy e benessere

La compagnia degli animali induce ottimismo attraverso una serie di adattamenti piscologici ed ormonali indotti dalla loro presenza.

Gli animali fanno bene. Questo è l’ambito di studio di una teoria non molto conosciuta quale la pet therapy. Il fulcro di questa nuova disciplina è la focalizzazione dell’importanza della relazione nella vita dell’uomo. Ogni giorno entriamo in relazione con molte altre realtà e la qualità della relazione incide direttamente sulla nostra sfera psichica e quindi sui nostri comportamenti.

Se la relazione è positiva allora lo saranno anche i risultati che ne deriveranno, se invece sarà negativa allora inizieranno i problemi e le malattie qualora queste emozioni dovessero protrarsi per molto tempo.

Sembra che gli animali, soprattutto alcune specie come i cani i gatti, i cavalli e i delfini, siano particolarmente interattivi con la nostra specie umana e questa loro particolare attitudine a mettersi in relazione con l’uomo sembra che giovi particolarmente alla salute di entrambi.

I meccanismi che innescherebbero queste particolari ed efficaci reazioni benefiche sarebbero determinati da attivazioni di circuiti affettivi ed emozionali, da motivazioni ludiche e fisiche.

Le patologie che ne traggono maggiore vantaggio in termini di miglioramento e guarigione sembra siano le patologie depressive ed ansiogene, i disturbi del comportamento dei bambini e degli adolescenti, la riabilitazione neuromotoria, l’ipertensione arteriosa, le cardiopatie e le convalescenze in generale.

CONDIVIDI
Dott. Marco Casadei
Si è laureato in Medicina e Chirurgia all'Università di Bologna nel 1990. Specializzato a Bologna nel 1994 in Medicina del Lavoro. Ha conseguito un Master in "Bioetica Generale e Clinica" nel 2006 all'Università Politecnica delle Marche di Ancona. Nel 2016 ha conseguito un Master in "Nutrizione umana" a Roma con il Prof. Eugenio del Toma. Attualmente lavora come Medico di Famiglia a Bellaria Igea Marina (RN) e come Medico del Lavoro libero professionista.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome