La skin care e gli effetti dell’acido ialuronico dove non avresti mai pensato 

Perché inserire una crema intima alla routine quotidiana? La domanda dovrebbe essere: perché no? Le esperte di INTIMINA spiegano l’efficacia di soluzioni a base di acido ialuronico confermato anche da un recente studio

tagmedicina, ialuronico

Sono molti a sapere del potere dell’acido ialuronico, ma quanti hanno mai pensato agli effetti anche per le zone intime?
Idratare la pelle significa farlo per tutte le parti del corpo comprese quelle più delicate della vulva che, soprattutto per carenza di estrogeni, possono disidratarsi e determinare i caratteristici sintomi di secchezza e bruciore.
“Una recente revisione sul Journal of Sexual Medicine(1) ha concluso che l’acido ialuronico ha un profilo di efficacia, sicurezza e tollerabilità paragonabile agli estrogeni vaginali – spiega Roberta ROSSI, sessuologa – per il trattamento dei sintomi dell’atrofia vaginali. Gli autori affermano inoltre che si tratta di una possibile alternativa per le donne che non possono ricorrere al trattamento ormonale.”

L’EFFETTO DEGLI ORMONI, NON SOLO PER VIA DELLA MENOPAUSA
L’acido ialuronico è un polisaccaride naturale prodotto in vari tessuti del corpo, che trattiene una quantità significativa di acqua aiutando la funzione delle articolazioni e bloccando anche l’idratazione. Quando ti mancano gli estrogeni, la vulva si assottiglia perché l’acido ialuronico non viene prodotto tanto quanto prima.
“I cambiamenti nei livelli ormonali, in particolare gli estrogeni, sono il fattore trainante alla base di questo problema. Frequentemente si manifesta intorno alla menopausa, a causa di una significativa riduzione della produzione di estrogeni.
Tuttavia – continua Manuela FARRIS, ginecologa – le donne di qualsiasi età possono soffrirne, anche quelle che hanno partorito di recente o stanno allattando al seno, che assumono la pillola contraccettiva o che ricevono cure per il cancro al seno”.

QUANDO PREVALE IL DOLORE (NEI RAPPORTI) MA ANCHE PRURITO E DISAGIO
Circa il 17% delle donne di età compresa tra 17 e 50 anni soffre di rapporti sessuali dolorosi a causa della secchezza vaginale. Ma la secchezza non include mai solo la vagina perché è sempre seguito da secchezza dei genitali esterni che porta a prurito, disagio, indolenzimento e dolore a causa dei bassi livelli di lubrificazione
della vulva.
“In caso di prurito, secrezione o dolore vaginale e vulvare, è sempre meglio consultate il tuo ginecologo per escludere infezioni vaginali, come la più comune Candida. Vanno valutate anche le dermatosi – prosegue FARRIS – che non sono così pericolose ma fastidiose, come anche il cancro della vagina. È bene in ogni caso utilizzare prodotti privi di tensioattivi presenti nei detergenti che fanno molta schiuma o sono molto profumati e ad elevato pH”.

COME GIOCARE D’ANTICIPO: LE 3 COSE DA FARE
Intervenire in anticipo è possibile con almeno 3 suggerimenti delle esperte di INTIMINA (la ginecologa Manuela FARRIS e la sessuologa Roberta ROSSI)
1. Fai gli esercizi di Kegel in modo costante sono un ottimo esercizio perché quando ti alleni, il flusso sanguigno nella vagina e nella vulva aumenta, rendendo il tessuto più morbido ed elastico. Se lo fai regolarmente, puoi posticipare l’interferenza dei livelli di estrogeni più bassi. Puoi farti guidare da un esperto della riabilitazione del piano perineale per iniziare e poi utilizzare dei dispositivi creati appositamente per continuare nell’allenamento.
2. Fai attività sessuale regolarmente mantenere una regolare attività sessuale aiuta a contrastare il circolo vizioso:
secchezza, dolore, diminuzione del desiderio. Se hai difficoltà durante i rapporti non preoccuparti: usare la crema balsamica per la lubrificazione può essere un ottimo ausilio

3. Valuta la terapia ormonale sostitutiva Parla con il tuo ginecologo di questa opzione perché può aiutare con la maggior parte dei sintomi

LA SOLUZIONE A BASE DI ACIDO IALURONICO
INTIMINA ha lanciato Balmy, una crema intima lenitiva e idratante, ipoallergenica,senza profumo, non contiene alcol e con un pH di 4,5. Contiene acido ialuronico caratterizzato da un alto peso molecolare, il che significa che non penetra attraverso l’epidermide mentre rimane sulla superficie della pelle e forma un rivestimento protettivo. L’acido ialuronico si lega con l’acqua e agisce come idratante evitando la perdita di acqua transepidermica. Questo ha come effetto quello di ridurre la secchezza genitale, il fastidioso prurito e il bruciore

FONTE
(1) https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33293236/

 

 

Giornalista, da oltre 20 anni si occupa di sviluppo strategie e di comunicazione nell’area pharma (etico e non solo). Dopo l’esperienza in agenzie di comunicazione dei grandi gruppi multinazionali, da qualche anno continua a creare eventi e rafforzare il proprio know-how attraverso l'attività in proprio. Allena la sua capacità organizzativa, gestionale e di relazione anche in famiglia, con 1 marito, 3 figli, 1 cane, 4 tartarughe, 1 geco e un terrazzo. linkedin.com/in/rita-tosi ritatosi.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui