Dieta mima-digiuno insieme a una terapia mirata per colpire i tumori

tagmedicina,dieta

Una particolare strategia suggerita da un recente studio tutto italiano potrebbe essere utile per contrastare diversi tipi di cancro. Si tratta di un abbinamento tra una dieta mima-digiuno e una terapia farmacologica mirata che ha lo scopo di bloccare le “vie di fuga” che il tumore utilizza proprio per sfuggire alla mancanza di nutrienti. Dallo studio, condotto dal gruppo di Valter Longo dell’IFOM di Milano e reso possibile dal sostegno di Fondazione AIRC, emerge che questo abbinamento può indurre la regressione del tumore del seno triplo negativo.

I risultati del lavoro di ricerca, nel quale sono stati utilizzati modelli murini, sono stati pubblicati su Cell Metabolism. In analisi precedenti, il gruppo di ricerca aveva mostrato come la dieta mima-digiuno permetta di rendere più efficace la chemioterapia del tumore del seno triplo negativo, ma allora l’abbinamento tra la dieta e la chemioterapia non era riuscito né a bloccare né a far regredire il tumore. Nel nuovo studio, come ha spiegato lo stesso Longo, i ricercatori si sono concentrati su una terapia più mirata, meno tossica e in grado di eliminare anche le cellule staminali tumorali, e cioè cellule di norma resistenti ai trattamenti e fondamentali nel processo di insorgenza e di progressione della malattia, così come nella formazione di recidive. Mediante particolari tecniche di laboratorio, sono state ricercate quelle vie di fuga che le cellule tumorali mettono in atto per sopravvivere ai trattamenti e alla mancanza di glucosio determinata dalla dieta. I ricercatori sono quindi riusciti a bloccare queste vie e lo hanno fatto con farmaci già in fase di studio per il trattamento di tumori che hanno alcune mutazioni proprio in queste vie molecolari. Per Longo e collaboratori, la possibilità di servirsi della dieta mima digiuno e il fatto di poter colpire le vie di fuga dei tumori in maniera mirata potrebbe rappresentare una strategia efficace in diverse tipologie di tumori.

Cell Metabolism 2021. Doi: 10.1016/j.cmet.2021.10.008.
https://doi.org/10.1016/j.cmet.2021.10.008

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome