Ipercolesterolemia, ecco quando dovrebbe iniziare il trattamento. Lo studio

tagmedicina,trattamento

Secondo uno studio apparso sul Journal of the American College of Cardiology, trattare il colesterolo LDL nelle persone con meno di 40 anni risulta molto conveniente negli uomini e mediamente conveniente nelle donne. La ricerca mostra come, in un modello basato sui dati del National Health and Nutrition Examination Survey, l’abbassamento dei lipidi negli individui in questa fascia d’età ottenuto con statine o grazie a interventi sullo stile di vita potrebbe prevenire il rischio di malattia cardiovascolare aterosclerotica (ASCVD) e migliorare la qualità di vita negli anni successivi.

In particolare, i ricercatori hanno utilizzato un modello di simulazione informatico per ottenere una sintesi di prove emerse da studi di coorte osservazionali e trial clinici in merito al trattamento con statine, e di dati dei servizi sanitari in merito ai costi di farmaci e trattamenti. Sono stati stimati i possibili benefici di salute e i costi derivati dal trattamento precoce del colesterolo ed è stato eseguito un confronto con le cure standard, che prevedono le statine a 40 anni o quando il colesterolo LDL è ≥190 mg/dL. È stata quindi simulata la riduzione dei lipidi, mediante l’uso di statine di intensità moderata o con interventi intensivi sullo stile di vita, a partire da un colesterolo LDL di almeno 160 mg/dL o 130 mg/dL in giovani adulti. Dall’analisi è emerso che circa nel 27% e nel 9% i livelli erano rispettivamente ≥130 mg/dL e ≥160 mg/dL. Il modello ha previsto che, rispetto alle cure standard, trattare i giovani con meno di 40 anni con uno dei due metodi potrebbe prevenire gli eventi di ASCVD e aumentare i QALY (anni di vita corretti per la qualità). Sono poi stati calcolati gli ICER (incremental cost-effectiveness ratios), pari a 31.000 dollari/QALY per il trattamento con statine negli uomini con colesterolo LDL ≥130 mg/dL e di 106.000 dollari/QALY nelle donne. Gli interventi sullo stile di vita risultavano più costosi e meno efficaci.
Per Paul A. Heidenreich, della Stanford University School of Medicine, tra gli autori di un editoriale correlato, il trattamento del colesterolo LDL dovrebbe iniziare prima dei 40 anni. «Le statine stanno diventando sempre meno costose e la loro sicurezza è sempre più consolidata ogni decennio che passa. Sono assolutamente d’accordo sul fatto che in realtà avrebbe senso iniziare molto prima per coloro che hanno un rischio cardiovascolare elevato a causa dell’alto colesterolo» ha dichiarato.

J Am Coll Cardiol. 2021. Doi: 10.1016/j.jacc.2021.08.065
https://www.jacc.org/doi/10.1016/j.jacc.2021.08.065
J Am Coll Cardiol. 2021. Doi: 10.1016/j.jacc.2021.08.072
https://www.jacc.org/doi/10.1016/j.jacc.2021.08.072

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui