Una dieta antinfiammatoria può ridurre il rischio di demenza. Ecco in cosa consiste

«La dieta è un fattore di stile di vita modificabile e potrebbe svolgere un ruolo nel combattere l'infiammazione, uno dei percorsi biologici che contribuiscono al rischio di demenza e deterioramento cognitivo»

tagmedicina,dieta

Le persone che nella vita hanno consumato una dieta “antinfiammatoria”, ovvero ricca di frutta, verdura, fagioli e tè o caffè, hanno un rischio minore di sviluppare demenza in età avanzata, secondo uno studio pubblicato su Neurology. «La dieta è un fattore di stile di vita modificabile e potrebbe svolgere un ruolo nel combattere l’infiammazione, uno dei percorsi biologici che contribuiscono al rischio di demenza e deterioramento cognitivo» spiega Nikolaos Scarmeas, della National and Kapodistrian University of Athens Medical School, Grecia, e della Columbia University di New York, USA, autore senior dello studio.

I ricercatori hanno esaminato 1.059 persone in Grecia, con età media di 73 anni e che non avevano demenza, tramite un questionario sulla frequenza alimentare che richiedeva informazioni sui principali gruppi di alimenti consumati nel mese precedente, tra cui latticini, cereali, frutta, verdura, carne, pesce, legumi, grassi aggiunti, bevande alcoliche, stimolanti e dolci. Il possibile punteggio infiammatorio alimentare poteva variare da -8,87 (dieta meno infiammatoria) a 7,98 (dieta più infiammatoria), e gli esperti hanno diviso i partecipanti in tre gruppi in base ai punteggi dietetici ottenuti. Le persone del gruppo con i punteggi più bassi, inferiori a -1,76, mangiavano in media a settimana 20 porzioni di frutta, 19 di verdura, quattro di fagioli o altri legumi e 11 di caffè o tè per settimana. Quelle del gruppo con i punteggi più alti, da 0,21 in su, mangiavano in media a settimana nove porzioni di frutta, 10 di verdura, due di legumi e nove di caffè o tè. Durante il follow-up, durato in media tre anni, 62 persone hanno sviluppato demenza. Queste persone hanno avuto punteggi della dieta medi di -0,06, rispetto ai punteggi medi di -0,70 di coloro che non hanno sviluppato la demenza. Dopo aver aggiustato per età, sesso e istruzione, gli esperti hanno scoperto che ogni aumento di un punto nel punteggio infiammatorio alimentare era associato a un aumento del 21% del rischio di sviluppare demenza. «Lo studio era di tipo osservazionale, e non è in grado di provare che seguire una dieta antinfiammatoria prevenga l’invecchiamento cerebrale e la demenza, ma mostra solo un’associazione. Inoltre, il periodo di follow-up è stato piuttosto breve. Saranno necessari studi più lunghi per confermare e replicare questi risultati» concludono gli autori.

Neurology 2021. Doi: 10.1212/WNL.0000000000012973
https://doi.org/10.1212/WNL.0000000000012973

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome