Matico, effetti terapeutici riconosciuti e ampio uso tradizionale

Matico è il nome comune che si riferisce ad almeno 4 specie differenti di piante appartenenti alla famiglia delle Piperaceae.

tagmedicina,Matico

Un gruppo di giovani nella regione amazzonica del Perù del gruppo indigena Shipibo-Konibo ha assistito gratuitamente persone con sintomi di Covid-19. I pazienti sono stati trattati con infusioni di piante medicinali, analgesici e antipiretici. Durante il periodo più acuto della pandemia, fino a settembre 2020, questo gruppo ha assistito 622 persone registrando solo 2 morti. Una delle piante principali degli infusi somministrate era il , utilizzata tradizionalmente da molti gruppi indigeni. Matico è il nome comune che si riferisce ad almeno 4 specie differenti di piante appartenenti alla famiglia delle Piperaceae. Altri nomi comuni sono cordoncillo, moho-moho, hierba del soldado.

Piperaceae: interessanti 4 specie differenti di piante

La specie più comune è il Piper aduncum. I componenti variano a seconda dell’origine della pianta. Sono stati identificati fino a 68 composti, sempre con presenza maggioritaria di aneto e apiolo, che hanno effetti antimicotici, insetticidi e antiinfiammatori. Si riporta la presenza di benezenoidi, noti per le attività antibiotiche e citossiche e safrolo, noto per gli effetti insetticidi e pesticidi. In medicina tradizionale si utilizza per le affezioni gastrointestinali e per le malattie respiratorie per le sue proprietà antinfiammatorie e per ridurre la tosse. Nel Libro verde, una guida sui ricorsi terapeutici vegetali elaborata dall’Istituto nazionale di Medicina tradizionale del Ministero di Salute del Perù, viene descritto come antiinfiammatorio della bocca e gola, per le ferite e le contusioni.
La guida “Piante medicinali di uso popolare nell’Amazzonia peruviana”, realizzata congiuntamente dal governo regionale di Loreto e dall’Agenzia spagnola per la cooperazione internazionale, indica anche l’utilizzo per infezioni urinarie, ulcere, ustioni, bronchiti e cistiti. La pianta viene utilizzata come infuso soprattutto dalle comunità autoctone amazzoniche, come gli Shipibo-Konibo, per curare infiammazioni, diarrea, gastrite, vomito, febbre, crampi mestruali, infezioni interne e come tonico post-partum, secondo alcune guide Le culture autoctone in Honduras hanno utilizzato le foglie, i frutti e gli steli come digestivo e detergente per la pelle, mentre in Colombia sono usati per curare la dissenteria e l’emostasi.

Piper aduncum ha mostrato efficacia in studi di laboratorio, come la Leishmania, che provoca ulcere sulla pelle e le mucose, Plasmodium falciparum, responsabile della malaria, e Trypanosoma cruzi, che produce la malattia di Chagas ed è trasmessa principalmente dalle cimici dei letti. L’olio essenziale di Piper aduncum di Cuba ha mostrato significativa attività antimicrobica. Gli oli non hanno mostrato un’elevata attività contro batteri e funghi patogeni umani, sebbene fossero efficaci contro lo Staphylococcus aureus, un batterio che produe infezioni della pelle e delle mucose, che possono causare follicolite, foruncolosi, congiuntivite o meningite.
Si evidenziano risultati promettenti per l’eliminazione dei parassiti dei protozoi, come nel caso di Plasmodium falciparum, che causa la malaria. Sono necessarie ulteriori ricerche, compresi studi in vivo, per convalidare i risultati in vitro e quindi determinare la sicurezza del suo utilizzo. Sono stati identificati fino a 35 componenti dell’essenziale olio di foglie di Piper aduncum, della regione di Loreto (Perù). In due studi effettuati in laboratorio, è stato riferito che la sostanza chiamata calcone, quest’ultima estratta dalla pianta, può uccidere il parassita che causa la malattia tropicale chiamata leishmaniosi, che è un’infezione parassitaria che si trasmette attraverso la puntura di zanzare infette e genera gravi ulcere sulla pelle e sulle mucose. Altri studi hanno riportato che il matico aveva azioni contro il parassita che causa la schistosomiasi, una malattia tropicale causata da vermi parassiti d’acqua dolce, e che può colpire il fegato e altri organi. Ad oggi, non esiste uno studio clinico che verifichi l’effetto palliativo o curativo del matico specificamente contro Covid-19, qualche altro tipo di SARS o un altro virus respiratorio. Non è stato trovato alcun riferimento a Piper aduncum nei casi di Covid-19 o infezioni respiratorie causate da virus. . Si può affermare che il Matico è una pianta con effetti terapeutici riconosciuti in un’ampia varietà di condizioni, che è attualmente utilizzata come parte della medicina tradizionale.

Fonte Farmacista 33

Salehi B, Zakaria ZA, Gyawali R, Ibrahim SA, Rajkovic J, Shinwari ZK, Khan T, Sharifi-Rad J, Ozleyen A, Turkdonmez E, Valussi M, Tumer TB, Monzote Fidalgo L, Martorell M, Setzer WN. Piper Species: A Comprehensive Review on Their Phytochemistry, Biological Activities and Applications. Molecules. 2019; 24(7):1364. Monzote L, Scull R, Cos P, Setzer WN. Essential Oil from Piper aduncum: Chemical Analysis, Antimicrobial Assessment, and Literature Review. Medicines (Basel). 2017 Jul 2;4(3):49. doi: 10.3390/medicines4030049. PMID: 28930264; PMCID: PMC5622384.

Ingaroca S, Castro A, & Ramos N. Composición química y ensayos de actividad antioxidante y del efecto fungistático sobre Candida albicans del aceite esencial de Piper aduncum L. “Matico”. Revista de la Sociedad Química del Perú, 85(2), 268-279

 

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome