Malattie cardiovascolari, gli acidi grassi provenienti da latticini non aumentano il rischio

«Abbiamo misurato i livelli ematici di alcuni acidi grassi per valutare la relazione tra questa misura oggettiva del consumo di grassi da latte, il rischio di malattie cardiovascolari (CVD) e il decesso»

tagmedicina,grassi

Le persone che assumono maggiori quantità di grassi da latte, misurate tramite acidi grassi nel sangue, hanno mostrato un rischio inferiore di malattie cardiovascolari rispetto a quelli che ne assumono quantità minori. «Abbiamo misurato i livelli ematici di alcuni acidi grassi per valutare la relazione tra questa misura oggettiva del consumo di grassi da latte, il rischio di malattie cardiovascolari (CVD) e il decesso» spiega Matti Marklund, della University of New South Wales (Australia), della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora (Stati Uniti) e della Uppsala University in Svezia, autore senior dello studio pubblicato su PLOS Medicine.

I ricercatori hanno valutato il consumo di grassi da latte in 4.150 svedesi di 60 anni misurando i livelli ematici di particolari acidi grassi. Li hanno quindi seguiti per una media di 16 anni per registrare il numero di attacchi di cuore, ictus e altri gravi eventi cardiovascolari, oltre ai decessi per qualsiasi causa durante questo periodo. Dopo aver aggiustato statisticamente per altri fattori di rischio CVD noti, tra cui età, reddito, stile di vita, abitudini alimentari e altre malattie, il rischio CVD è risultato più basso per le persone con alti livelli di acidi grassi considerati. Questi pazienti non presentavano comunque un aumento del rischio di decesso per tutte le cause. La combinazione dei risultati svedesi con quelli di altri 17 studi che hanno coinvolto un totale di quasi 43.000 persone provenienti da Stati Uniti, Danimarca e Regno Unito ha confermato gli esiti nelle altre popolazioni. Secondo gli esperti, sempre più prove suggeriscono che l’impatto dei latticini sulla salute possa essere più dipendente dal tipo di latticino piuttosto che dal contenuto di grassi dello stesso, il che ha sollevato dubbi sul fatto che evitare i grassi lattiero-caseari in generale sia benefico per le malattie cardiovascolari. «È importante ricordare che, sebbene i latticini possano essere ricchi di grassi saturi, hanno anche molti altri nutrienti e possono far parte di una dieta sana. Tuttavia, altri grassi come quelli che si trovano nei frutti di mare, nelle noci e negli oli vegetali non tropicali possono avere maggiori benefici per la salute rispetto ai grassi del latte. Per chiarire questo serviranno ulteriori studi» concludono gli autori.

PLOS Medicine 2021. Doi: 10.1371/journal.pmed.1003763
https://doi.org/10.1371/journal.pmed.1003763

 

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome