Green pass, Cts valuta proroga della durata da 9 mesi a un anno

«Considerato che le prime vaccinazioni nel mondo sono iniziate dieci mesi fa e non essendoci a oggi evidenza che vi sia una sostanziale perdita dell'effetto protettivo offerta dall'immunizzazione nei primi vaccinati, la scelta di prorogare la scadenza a 12 mesi - spiega - trova una solida base».

tagmedicina,Green

Si va verso la proroga da 9 a 12 mesi del green pass. Venerdì il Cts si riunirà per esaminare la richiesta in tal senso del ministero della Salute. La modifica potrebbe avvenire in occasione della conversione in Aula alla Camera del decreto del 6 agosto: l’esecutivo dovrebbe presentare – secondo fonti di governo – un emendamento per l’estensione del certificato verde. Altro tema allo studio, quello di uniformare la durata del green pass per tutti, anche per i guariti: in questo caso il calcolo della scadenza avverrebbe dal momento delle dimissioni per chi è stato ricoverato. È lo stesso coordinatore del Comitato tecnico scientifico Franco Locatelli a considerare «più che ragionevole» l’ipotesi di estensione a 12 mesi del green pass. «Considerato che le prime vaccinazioni nel mondo sono iniziate dieci mesi fa e non essendoci a oggi evidenza che vi sia una sostanziale perdita dell’effetto protettivo offerta dall’immunizzazione nei primi vaccinati, la scelta di prorogare la scadenza a 12 mesi – spiega – trova una solida base».

Sul Green Pass il ministro della Salute Roberto Speranza si dice convinto di un prolungamento della durata del certificato: «Il Green pass dura nove mesi, non escludo che possa essere prolungato. Su questo lavoreremo. La terza dose si farà, non abbiamo ancora una indicazione perentoria da Ema e Aifa, sicuramente si partirà con la terza dose per i fragili e poi gradualmente si arriverà anche agli altri». «Dai ragazzi sta arrivando un segnale fortissimo – ha aggiunto – faremo tutto il possibile per farli andare a scuola in sicurezza e anche per rendere i luoghi di lavoro sicuri. Un interesse di tutti». E sulla terza dose, Speranza dichiara che si farà «per gli immunodepressi, per i trapiantati e probabilmente per gli over 80. C’è una discussione all’interno del Cts e anche se non c’è ancora un’indicazione perentoria di Ema ed Aifa, credo che si farà». «Il green pass e il vaccino sono due strumenti per impedire le chiusure e per impedire un altro lockdown che nessuno vuole. Il green pass non è una limitazione della libertà, è uno strumento indispensabile per la tutela della salute. Non possiamo vedere il green pass come un nemico perché’ il nemico è il Coronavirus». Così Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia, a Morning News su Canale 5. «Il personale scolastico dovrà avere il green pass e lo stesso discorso vale per chi lavora in grandi comunità», ha aggiunto.

Locatelli sulle colonne del ‘Corriere della Sera’ insiste sull’efficacia dei vaccini. L’approvazione definitiva del vaccino anti Covid di Pfizer da parte dell’agenzia americana Fda rappresenta un ulteriore stimolo alla vaccinazione secondo il coordinatore del Comitato tecnico scientifico. «L’obiezione che i vaccini sono stati approvati troppo rapidamente viene a perdere qualsiasi consistenza», ha dichiarato. Nessuno dei passaggi di valutazione sulla sicurezza è stato saltato, ha precisato Locatelli, per il quale ora l’auspicio «è che ciò possa rappresentare una nuova incentivazione ad aderire alla campagna vaccinale, soprattutto in quelle popolazioni di soggetti in cui il tasso di letalità dell’infezione è particolarmente elevato». E si riferisce soprattutto «agli italiani sopra i 50 anni», pur non dimenticando «l’importanza di proteggere anche i più giovani». La valutazione americana, arrivata dopo l’approvazione per uso emergenziale nel dicembre del 2020, «testimonia che il vaccino in questione, così come gli altri vaccini», prosegue il coordinatore, «rispondono ai criteri scientifici più stringenti relativi al processo di produzione, al profilo di sicurezza ed efficacia immunizzante».

Fonte Doctor 33

 

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome