Ecografia – Diagnosi – Terapia… in poche ore nel confort della tua casa

Intervista al Dott. Simone Sferrazza Papa

tagmedicina,ECOGRAFIA

Ritengo di poter affermare che ad oggi la “paziente” che versa nelle peggiori condizioni di salute, sia la Sanità.

Pubblica e Privata, sono entrambe al collasso, complice anche la paura del malato di recarsi in un pronto soccorso dove l’attesa lunga ed estenuante – oltreché rischiosa per i contagi Covid -, trascorre tra paura, malessere e solitudine.

Tuttavia, sono lieta di poter riferire una valida alternativa, sperimentata personalmente.

In un pomeriggio di alcune settimane or sono, mio marito fu colto da colica renale: lui oltremodo dolorante, io in uno stato d’impotenza. I classici farmaci antidolorifici avevano un effetto blando, urgeva effettuare un’analisi più approfondita, in primis un’ecografia.

Ignara della soluzione che sto per presentare, contattai alcuni Centri Diagnostici privati, ma l’appuntamento più tempestivo, richiedeva una settimana d’attesa.

Proseguendo la ricerca su Google, mi balzò all’occhio quella che ancora non sapevo sarebbe stata la migliore delle possibilità: il “Servizio Medico di Ecografia Domiciliare” – Dott. Sferrazza Papa.

Tralasciando i dettagli, tranne il rilevante fatto che fosse il tardo pomeriggio di un venerdì, il Dott. Simone Sferrazza Papa, comprese la situazione e si organizzò per essere a casa nostra nell’arco di un paio d’ore. Eseguì quella che comunemente si definisce ecografia, ma in realtà fu una visita eco guidata, con tanto di diagnosi e terapia.

Trattandosi di un esito rasserenante, il Dott. Sferrazza Papa, consigliò un controllo a distanza di una settimana da effettuarsi in qualsiasi struttura. Ovviamente gli chiesi se sarebbe stato egli stesso disponibile a ritornare da noi e fui sollevata nel constatarne la disponibilità. In quei dieci giorni, mio marito ebbe altresì un prezioso supporto telefonico atto a monitorare i risultati della cura. Non trascurabile il costo assolutamente competitivo.

Di seguito riporto l’intervista allo stesso Dott. Simone Sferrazza Papa

Daniela Cavallini:

Benvenuto Dott. Sferrazza Papa, nel rinnovarle il mio apprezzamento per l’ineccepibile e solerte trattamento riservato a mio marito, cui aggiungo quello dedicato all’anziana mamma di una mia carissima amica, avvenuto d’urgenza in data odierna – sabato 31 luglio, ore 14,30!! – atto a rimediare ad una condizione di grave entità, le chiedo: com’è nata l’idea di offrire un servizio di ecografia domiciliare, supportato da consulenza medica ed annessa terapia?

Dott. Simone Sferrazza Papa:

Ringrazio voi per la cordiale accoglienza e la stima riservatami.

La premessa è che nel nostro Studio siamo clinicinon radiologi. Pertanto non eseguiamo “ecografie”, ma “visite eco-guidate” l’ecografia permette di “vedere” dentro al corpo umanoaiutando il clinico nel processo diagnostico, tanto è vero che è stata spesso definita il “prolungamento del fonendoscopio”.

Avevamo pertanto iniziato installando nel nostro studio, ecografi fissi. Tuttavia, alcuni malati non potevano raggiungerci in ambulatorio alcuni colleghi ci chiedevano consulti “ecografici” per i pazienti c/o i loro studi o a domicilio… e questo ci ha spinto dapprima ad informarci e poi ad acquistare ecografi che potessero soddisfare tutte le richieste: ovvero di potenza sovrapponibile a macchinari fissi, ma allo stesso tempo facilmente trasportabili.

Quando si intraprende un percorso lavorativo sono poi le richieste stesse a guidarti nei passi successivi. Infatti, un numero crescente di pazienti chiedeva di accedere al servizio:

    • Grandi anziani

    • Pazienti con problematiche neurologiche

    • Obesi

    • Pazienti allettati per problemi ortopedici

In questo nostro servizio di “ecografia domiciliare” penso che siano altri due grandi fattori che ci hanno consentito di sviluppare un “servizio” con la S maiuscola:

  1. Da un lato, come ho specificato, siamo clinicinon radiologi. Pertanto non eseguiamo “ecografie”, ma “visite eco-guidate”;

  2. Siamo una famiglia di medici, in particolare al momento siamo in 3, padre e due figli, e a breve si uniranno altri componenti. Ognuno dotato del suo ecografo. Questo è importante in quanto possiamogarantire la prestazione entro 24-48 ore in tutta la regione lombarda e nelle province limitrofe.

Garantendo l’ecografia in giornata, abbiamo abbracciato un’altra grande fetta di pazienti, ovvero quelli che necessitano una prestazione in tempi rapidi, che il sistema sanitario altrimenti non offrirebbe:

  • Sospetto di trombosi venosa profonda

  • Addominalgia acuta (esempio calcolo renale, colecistite, appendicite)

  • Polmonite

Entro 1 giorno, spesso in poche ore, il paziente viene visitato, fatta l’ecografia e avviata la terapia a casa propria.

Neanche un Pronto Soccorso offre prontezza migliore… Ma del resto la città di Milano, nel 2021, merita un Servizio simile.

Daniela Cavallini:

Inevitabile un cenno alla pandemia Covid-19: quanto e come ha influito nel suo lavoro?

Dott. Simone Sferrazza Papa:

Durante la pandemia, in particolare nel lockdown, si sono manifestate circostanze che non si erano mai verificate fino ad allora:

  • Impossibilità di muoversi dal proprio domicilio, sia per patologie maggiori, che per patologie minori

  • Chiusura dei servizi diagnostici ospedalieri e spesso anche dei centri privati

  • Paura del paziente di accedere al PS per possibile contagio

Purtroppo però, nell’anno appena trascorso, non è esistito solo il Covid. Molte persone necessitavano ecografie per motivi più svariati: follow-up di patologie neoplasticheurgenze cliniche, prevenzione per malattie vascolari (esempio ecografia alle carotidi). Per non parlare delle patologie minori, ma che comunque causano sofferenza nel paziente (dolore alla spalla, ernia inguinale, difficoltà urinaria).

Un altro aspetto importante, inerente il Covidda circa 10 anni pratichiamo l’ecografia toracica. Siamo sempre stati conviti che l’ecografo “vedesse” più della lastra… però in medicina è difficile introdurre una nuova metodica perché molte persone, medici compresi, non ne conoscono il potenziale.

La pandemia è stata una “passerella” sontuosa per questa metodica… nel corso dell’ultimo anno pertanto abbiamo eseguito ecografie domiciliari in pazienti con polmonite da covid, trattandoli terapeuticamente e seguendone il decorso direttamente c/o il loro domicilio. Abbiamo curato circa un migliaio di pazienti… oltre a diffondere l’idea, a pazienti e colleghi, che l’ecografia toracica è una metodica estremamente valida.

Daniela Cavallini:

Immagino che i nostri lettori si staranno chiedendo i costi di tanto confort…

Dott. Simone Sferrazza Papa:

Comprendo, tuttavia, questo è uno di quei casi in cui l’abusato termine “personalizzazione” è insostituibile. Ogni paziente – per le relative necessità, non ultimo il luogo di residenza – costituisce un caso a se stante, pertanto sono le variabili a determinare l’aspetto economico. Posso comunque ribadire quanto da lei affermato nell’introduzione e cioè che il costo è assolutamente competitivo se posto in relazione con le strutture private e, mi permetto di aggiungere, accessibile a molti.

 

CONDIVIDI
Daniela Cavallini
E’ un’entusiasta! La caratterizza lo spiccato desiderio di comunicare. Nel suo percorso professionale ha ricoperto posizioni di responsabilità nel settore Education nell’ambito di Società Multinazionali, erogando corsi di Addestramento e Formazione – Aziendali ed Interaziendali - al Personale Commerciale. Successivamente, Daniela è migrata al mondo dell’imprenditoria. Con l’eclettismo che la contraddistingue, da alcuni anni è ritornata al suo primo amore: l’arte. È un’apprezzata astrattista che ama trasporre su tela le sue sensazioni. Contestualmente, da alcuni anni si è dedicata alla scrittura pubblicando e-book ad indirizzo formativo e curando per alcune testate giornalistiche rubriche inerenti psicologia, comunicazione, problematiche di coppia, salute e bellezza.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome