Benefici della Cannella

Gli studi hanno dimostrato che riduce molti dei fattori di rischio per le patologie cardiovascolari tra cui ipertensione, livelli elevati di colesterolo e trigliceridi.

tagmedicina,CANNELLA

La cannella è prodotta dalla corteccia dell’albero Cinnamomum verum, che contiene diversi composti responsabili delle sue numerose proprietà salutari, tra cui cinnamaldeide, acido cinnamico e cinnamato.

RICCA DI ANTIOSSIDANTI

La cannella è ricca di antiossidanti (tra cui polifenoli, acido fenolico, flavonoidi), che contrastano i danni da radicali liberi e rallentano il processo di invecchiamento: secondo la scala ORAC, che viene utilizzata per misurare la concentrazione di antiossidanti nei cibi, la cannella è al settimo posto.

ALLEVIA L’INFIAMMAZIONE

Gli antiossidanti contenuti nella cannella possono aiutare ad alleviare l’infiammazione, e di conseguenza a ridurre il rischio di patologie cardiovascolari, cancro, declino cognitivo e altro.

Inoltre, dato che questa spezia riduce il gonfiore e previene l’infiammazione, può anche essere utile nella gestione del dolore: infatti, gli studi dimostrano che aiuta a ridurre il dolore muscolare, diminuire il dolore mestruale, ridurre la gravità delle reazioni allergiche ed alleviare anche i dolori correlati all’invecchiamento.

PROTEGGE LA SALUTE DEL CUORE

Gli studi hanno dimostrato che riduce molti dei fattori di rischio per le patologie cardiovascolari tra cui ipertensione, livelli elevati di colesterolo e trigliceridi.

La ricerca mostra inoltre che è un utile coagulante e può bloccare il sanguinamento in eccesso; la cannella aumenta anche la circolazione e migliora la riparazione dei tessuti, tra cui quello cardiaco.

STABILIZZA I LIVELLI GLICEMICI

La cannella è nota per i suoi effetti ipoglicemizzanti, motivo per cui è considerata uno dei migliori alimenti per diabetici.

La ricerca indica che può ridurre la glicemia e migliorare la sensibilità insulinica; inoltre, suggerisce che la cannella può aiutare a bloccare l’attività di diversi enzimi digestivi, per poter così rallentare l’assorbimento dello zucchero nel sangue dopo un pasto ricco di carboidrati.

PRESERVA LA FUNZIONE COGNITIVA

Poiché è ricca di antiossidanti, la cannella può potenziare la funzione cognitiva e contrastare lo sviluppo di Alzheimer e Parkinson.

Studi in vitro mostrano che la cannella aiuta a bloccare l’accumulo nel cervello di una proteina specifica, riducendo così il rischio di Alzheimer.

È stato anche dimostrato che protegge i neuroni dallo stress ossidativo, preservando così la funzione cerebrale e prevenendo il declino cognitivo.

COMBATTE INFEZIONI E VIRUS

Possiede proprietà antimicrobiche, antibiotiche, antimicotiche ed antivirali; inoltre, i suoi oli essenziali contengono anche potenti composti che stimolano il sistema immunitario.

OTTIMIZZA L’IGIENE ORALE

La ricerca mostra che la cannella favorisce un’igiene orale ottimale e potrebbe proteggere da alcuni ceppi batterici che causano alitosi, carie ed infezioni orali.

PREVIENE LA CANDIDA

La ricerca suggerisce che le potenti proprietà antimicotiche della cannella sono efficaci nel trattamento e nella prevenzione della proliferazione da Candida.

È stato dimostrato che riduce la quantità della Candida albicans, responsabile di una serie di problemi digestivi ed autoimmuni.

Inoltre, avendo proprietà ipoglicemizzanti, riduce notevolmente il nutrimento principale della Candida, ovvero gli zuccheri.

PROTEGGE LA SALUTE DELLA PELLE

Avendo proprietà antibiotiche ed antimicrobiche, aiuta a proteggere la pelle da irritazioni, eruzioni cutanee, reazioni allergiche ed infezioni.

Uno studio indica che l’applicazione dell’olio essenziale di cannella a livello cutaneo può essere utile per ridurre infiammazione, gonfiore, rossore e dolore.

RIDUCE I SINTOMI ALLERGICI

Può aiutare a combattere i comuni sintomi allergici, dato che riduce l’infiammazione e contrasta le reazioni mediate dall’istamina.

ADDOLCISCE LE RICETTE

Dato il suo naturale sapore dolce, l’aggiunta di cannella alle nostre ricette può aiutare a ridurre la quantità di zucchero utilizzata, riducendo così anche il carico glicemico dei pasti.

Questo può aiutare inoltre a ridurre le kcal in eccesso, favorendo la perdita di peso.

AGISCE COME CONSERVANTE NATURALE

Data la sua capacità antibatterica, la ricerca evidenzia che può essere utilizzata come conservante in molti cibi, senza dover ricorrere a sostanze chimiche o ingredienti artificiali.

Questa spezia possiede anche attività anti-tirosinasi, utili per bloccare lo scolorimento di frutta e verdura quando si ossidano.

 

CONDIVIDI
Dott.ssa Francesca Vignoli
Maturità classica presso il Liceo Classico di Rimini nel 2003 Laurea in Dietistica presso l’Università di Bologna nel 2006 Master Internazionale in Disturbi dell’Alimentazione e Obesità presso l’AIDAP di Verona Antiaging Advisor presso l’AFFWA di Parma Certificata in Medicina Funzionale applicata alla pratica clinica presso l’AFFWA di Parma Esperta in nutrizione Corso di perfezionamento universitario presso l’Università di Pavia Relatrice a corsi, convegni, eventi Autrice di diversi articoli, del libro “Questione di cibo: imparare a gestire il peso consapevolmente” e del capitolo “La Nutrizione Funzionale” nel libro “Guida alla Medicina Funzionale: la medicina del domani” Creatrice del protocollo nutrizionale per la chirurgia bariatrica presso la Casa di Cura “Montanari” di Morciano di Romagna Ex atleta agonista di pattinaggio artistico a rotelle, ora alterno palestra e allenamento funzionale a casa Appassionata di libri, skincare e beauty Libera professionista a Milano, Voghera, Riccione e provincia

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome