Obesità, la prevenzione inizia nel primo anno di vita

Il messaggio in tutto il mondo è che per evitare l'obesità più avanti nella vita non è mai troppo presto per iniziare ad aiutare le madri a nutrire bene i propri figli.

tagmedicina,vita

Le radici dell’obesità si fondano nel primo anno di vita, dopo che le madri smettono di allattare, secondo i risultati di uno studio pubblicato sul Journal of Human Nutrition and Dietetics. «Il messaggio in tutto il mondo è che per evitare l’obesità più avanti nella vita non è mai troppo presto per iniziare ad aiutare le madri a nutrire bene i propri figli. E questo studio è dimostra che è possibile cambiare il comportamento di una madre» spiega Caroline Sangalli, dell’Universidade Federal de Ciências da Saúde de Porto Alegre, Brasile, prima autrice del lavoro.

I ricercatori hanno condotto uno studio randomizzato in 31 centri che forniscono servizi di assistenza prenatale, infantile e di altro tipo a famiglie a basso reddito, fornendo un programma di educazione per aumentare la conoscenza delle linee guida dietetiche brasiliane. Attraverso poster nelle sale d’attesa, tutte le famiglie sono state informate sugli alimenti complementari che non dovrebbero essere offerti ai bambini di età inferiore ai due anni, come biscotti, snack, bibite e dolciumi. Gli esperti hanno misurato la crescita dei bambini e altri esiti all’età di sei mesi, 12 mesi, tre anni e sei anni. Sono stati registrati anche dettagli su tipologie, quantità e modalità di preparazione degli alimenti. Ebbene, l’apporto energetico a tutte le età è stato inferiore nel gruppo di intervento rispetto al gruppo di controllo, nel quale non c’erano stati interventi educazionali sulle linee guida dietetiche, con una differenza statisticamente significativa all’età di tre anni. Inoltre, i bambini del gruppo di intervento a tre anni consumavano meno carboidrati e grassi totali rispetto al gruppo di controllo e a sei anni avevano accumulato meno grasso corporeo. Il gruppo intervento a sei anni di età aveva un grasso corporeo inferiore in diverse misurazioni, ma questa differenza non si rifletteva nei punteggi dell’indice di massa corporea, una misura meno sensibile dell’adiposità. Tuttavia, secondo gli autori, dato che la prevalenza del sovrappeso nel gruppo intervento si attestava al 7% in meno rispetto al gruppo di controllo a sei anni, interventi di questo tipo potrebbero avere un prezioso impatto sulla salute pubblica, soprattutto perché le stime indicano che la riduzione dell’1% della prevalenza dell’obesità tra i bambini fino all’età di sei anni farebbe risparmiare 1,7 miliardi di dollari in spese mediche.

J Human Nutrition and Dietetics 2021. Doi: 10.1111/jhn.12881
https://doi.org/10.1111/jhn.12881

 

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome