Dalla Rhodiola rosea un estratto fitoterapico adattogeno per contrastrare la fatica correlata allo stress

tagmedicina,Rhodiola

Molti estratti vegetali ad attività adattogena hanno mostrato buoni effetti stimolanti e anti-fatica in esperimenti preclinici, ma solo un gruppo limitato di preparati ha mostrato effetti significativi in studi randomizzati, in doppio cieco e controllati con placebo nell’uomo, come nel caso di Rhodiola rosea. Quest’ultima, chiamata anche radice artica o radice d’oro, è una pianta di origini siberiane, ma oggi cresce spontaneamente anche nel Nord Europa, in Scandinavia e nel Nord America ed è diffusa anche sulle Alpi. Le proprietà adattogene sono state attribuite principalmente alle rosavine e al salidroside; questi composti influenzano i livelli e le attività delle monoamine e dei peptidi oppioidi centrali e periferici, compresi i sistemi cardiovascolare e respiratorio. Come nel caso degli altri adattogeni, Rhodiola rosea attiva i sistemi di stress, preparando l’organismo a insulti più gravi. In questo senso, agisce come lieve fattore di stress (mimetico dello stress), dando origine a effetti adattativi e protettivi, principalmente associati all’asse ipotalamo-ipofisi-surrene. Tra gli adattogeni la Rhodiola rosea è una scelta terapeutica razionale sia in termini di risultati clinici che di sicurezza terapeutica. La somministrazione di un estratto di Rhodiola rosea per un periodo di 4 settimane ha determinato effetti anti-fatica e un aumento della concentrazione in pazienti colpiti da esaurimento. Uno studio clinico del 2008 ha valutato l’efficacia di un estratto standardizzato di radici di Rhodiola rosea in soggetti caratterizzati da fatica stress-correlata. In questa ricerca in doppio cieco, controllata con placebo, 60 partecipanti tra i 20 e i 55 anni sono stati suddivisi, grazie alla randomizzazione, in due gruppi paralleli. Uno dei gruppi in studio ha assunto 4 compresse al giorno per un periodo di 28 giorni, corrispondenti a 576 mg di estratto di Rhodiola rosea quotidiano. Per misurare gli effetti su diversi gradi di attenzione i pazienti sono stati sottoposti a vari test di valutazione. I risultati di questo studio hanno dimostrato che l’assunzione di Rhodiola rosea ha migliorato le condizioni di fatica dei soggetti in trattamento, con una maggiore percezione soggettiva di salute fisica. Inoltre, un altro studio clinico in aperto, a singolo braccio di trattamento, ha valutato gli effetti di un trattamento con un estratto di Rhodiola rosea per 4 settimane in soggetti affetti da stress. Un totale di 101 pazienti sono stati trattati con una dose di 200 mg di estratto di Rhodiola rosea due volte al giorno. Per valutare gli effetti del trattamento sono stati impiegati diversi questionari soggettivi per coprire vari aspetti, dai sintomi di stress e al benessere psicologico. Tutte le variabili analizzate hanno mostrato un miglioramento costante per quanto riguarda i sintomi di stress, affaticamento, qualità della vita, umore, concentrazione, disabilità, compromissione funzionale e effetto terapeutico complessivo. I primi effetti positivi sono stati osservati dopo solo 3 giorni di trattamento, seguiti da continui miglioramenti dopo 1 e 4 settimane, con effetti riscontrabili sia nell’ambito familiare/sociale che in quello lavorativo. L’estratto di Rhodiola rosea è risultato sicuro e generalmente ben tollerato. Gli eventi avversi individuati negli studi clinici sono stati per lo più di lieve intensità e non sono stati segnalati eventi avversi gravi. Nel complesso, la maggior parte degli studi ha evidenziato effetti benefici della Rhodiola rosea nel ridurre la fatica mentale, nel migliorare lo stato fisico e lo stato di benessere generale. Inoltre, la Rhodiola rosea appare un approccio sicuro.


Bibliografia

1) Saratikov AS, Krasnov EA. Rhodiola rosea (Golden root): a valuable medicinal plant. Tomsk, Tomsk University Press. 2004; pp. 1-20

2) Olsson EMG, von Schéele B, Panossian AG. A randomized double-blind placebo controlled parallel group study of SHR-5 extract of Rhodiola rosea roots as treatment for patients with stress related fatigue. Planta Med 2009; 75:105-12.

3) Edwards D, Heufelder A, Zimmermann A. Therapeutic Effects and Safety of Rhodiola rosea Extract WS W 1375 in Subjects with Life-stress Symptoms – Results of an Open-label Study. Phytotherapy Research 2012; 26 (8): 1220-1225.

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome